Robert Antonioli e Martina Valmassoi tricolori Sprint al Tonale

Di GIANCARLO COSTA ,

Robert Antonioli campione italiano Sprint al Tonale (foto modica)
Robert Antonioli campione italiano Sprint al Tonale (foto modica)

Battesimo positivo per la nuova gara sprint, inserita quest’anno nel programma dei campionati italiani di scialpinismo, grazie all’organizzazione del Brenta Team sulle piste del Passo del Tonale finalmente e ottimamente innevate. Al termine delle batterie di qualificazione individuali e delle finali a 6 si sono laureati campioni italiani di categoria Robert Antonioli del Centro Sportivo Esercito e Martina Valmassoi del Dolomiti Ski Alp fra i senior, quindi Luca Faifer e Alessandra Cazzanelli fra gli espoir, l’atleta di casa Davide Magnini del Brenta Team e Giulia Compagnoni dell’Alta Valtellina fra gli junior, quindi Andrea Prandi dell’Alta Valtellina e Giulia Murada dell’Albosaggia fra i cadetti.

Sono questi i primi verdetti e i primi titoli tricolori stagionali assegnati nella disciplina dello sci alpinismo. Una gara che è piaciuta per il format proposto e in particolar modo per un percorso di gara completo, divertente e piacevole da ammirare anche per il pubblico, che si sviluppava sulla pista Valena. Partenza con gli sci agganciati, quindi dopo 100 metri cambio assetto inserendo gli sci nello zaino e percorrendo un breve tratto a piedi. Nuovo cambio, rimettendo gli sci ai piedi per giungere nel punto più alto del tracciato e quindi discesa verso il traguardo, affrontando alcune porte da slalom gigante. Lunghezza totale 500 metri e dislivello di 80 metri.

La gara senior maschile si è risolta con l’arrivo in solitaria di Robert Antonioli, dopo 3'26’03”, seguito a 17 secondi da Michele Boscacci, mentre per la medaglia di bronzo si è assistito ad un arrivo a tre al fotofinish, con Richard Tiraboschi capace di superare  Davide Galizzi e Manfred Reichegger.

Perentoria anche l’affermazione della bellunese Martina Valmassoi in campo femminile, che ha preceduto di 26 secondi la trentina di Molveno Elena Nicolini, quindi bronzo per Corinna Ghirardi.

Nella espoir maschile Nadir Maguet, in testa per oltre metà gara, ha poi rotto un bastoncino scivolando in classifica, e lasciando via libera al valtellinese Luca Faifer che si è aggiudicato la medaglia d’oro, precedendo la coppia formata da Federico Nicolini e Stefano Stradelli, che se la sono giocata allo sprint. Per primo sarebbe transitato il valdostano, che però è stato penalizzato per non aver inserito gli sci nello zaino. Argento dunque per il trentino Nicolini, come per la sorella Elena. Nella categoria espoir affermazione per Alessandra Cazzanelli del club valdostano Corrado Gex, davanti alla friulana Maria Dimitra Theocharis e alla bellunese Martina De Silvestro.

Combattutissima la sfida junior maschile, con l’atleta di casa Davide Magnini del Brenta Team, capace di conquistare la sua prima medaglia della stagione dopo il passaggio di categoria per una punta di sci su Nicolò Canclini, con il bronzo per l'altro Canclini (Pietro). Fra le pari età affermazione scontata per Giulia Compagnoni dell’Alta Valtellina, davanti alla veneta Alba De Silvestro e alla valtellinese Erica Rodigari.

Per quanto riguarda le categorie cadetti, doppio successo valtellinese con Andrea Prandi e Giulia Murada, argento trentino in campo femminile con Melanie Ploner con la valtellinese Jenni Antonioli bronzo, mentre in campo maschile secondo è risultato Davide Gusmeroli, davanti a Stefano Confortola.

Sabato seconda giornata di gare tricolori con l’assegnazione dei titoli vertical race su un percorso che si sviluppa sulle piste Valbiolo e Contrabbandieri, sempre al Passo del Tonale. Partenza alle ore 10.30.

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti