Il racconto fotografico del Trofeo Mezzalama

Di GIANCARLO COSTA ,

Didier Blanc al Col del Lys (Massimo Basso fotoviaggisport.it)
Didier Blanc al Col del Lys (Massimo Basso fotoviaggisport.it)

Raccontare un Mezzalama è emozionante, quasi come correrlo. Un migliaio di concorrenti, centinaia di organizzatori e migliaia di spettatori. Tutto sul palcoscenico naturale del Monte Rosa, che benevolo per un giorno concede il passaggio a tutta questa gente colorata e rumorosa, anche se con un po’ di vento gelido tra il Colle del Breithorn ed il Colle del Lys, tra il Castore ed il Naso del Lyskamm, ricorda che in montagna non si scherza, così come detto da Adriano Favre, il Direttore Tecnico e l’anima del Mezzalama, sia prima che dopo la gara. Emozioni forti per tutti, dal primo all’ultimo degli scialpinisti, per quella che non è solo una gara, ma un viaggio nella passione per la montagna, che per un giorno accomuna tutti, organizzatori, atleti, spettatori e fotografi, che con migliaia di scatti raccontano l’essenza del Trofeo Mezzalama.

La galleria fotografica completa su www.fotoviaggisport.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti