A Puy St. Vincent (FRA) è iniziata la Coppa del Mondo di scialpinismo con le vittorie di Anton Palzer e Laetitia Roux, Matteo Eydallin 4º e Katia Tomatis 6a i migliori azzurri

Di GIANCARLO COSTA ,

Anton Palzer conduce su Kilian la prima prova di Coppa del Mondo di Puy St. Vincent (foto ISMF)
Anton Palzer conduce su Kilian la prima prova di Coppa del Mondo di Puy St. Vincent (foto ISMF)

Sulle nevi francesi di Puy St. Vincent è iniziata la Coppa del Mondo di scialpinismo 2015. A questa prima di una stagione che potrebbe traghettare il movimento verso il sogno olimpico del 2022, alcune sorprese e altre conferme. Nella gara maschile si prende la scena il giovane tedesco Anton Palzer, che pur essendo ancora un Espoir (under 23), vince in 1h21'28” la gara assoluta dopo un lungo duello con lo spagnolo Kilian Jornet Burgada, che viene squalificato tra le polemiche per un errore di percorso in discesa. Sul podio dietro il nuovo asso tedesco dello scialpinismo salgono dunque due francesi (e qui viene da pensar male vista la squalifica di Kilian), Xavier Gachet 2° in 1h21'29” e William Bon Mardion 3° in 1h22'04”. Era anche l'esordio per l'Italia del nuovo DS Stefano Bendetti e l'Italia ha mostrato compattezza di squadra senza l'acuto vincente, almeno per il podio, nei Senior, mentre ha dominato negli Junior. Matteo Eydallin è il capofila degli azzurri, con il 4° posto in 1h23'34”, confermando che quando si fa sul serio lui c'è ed è sempre davanti. Seguono Robert Antonioli 6° in 1h24'38”, Damiano Lenzi 9° in 1h25'28”, Michele Boscacci 11° in 1h25'33”, Lorenzo Holzknecht 13° in 1h28'54”, Pietro Lanfranchi 14° in 1h27'07” e Manfred Reicchegger 15° in 1h27'14”. Per gli Espoir Nadir Maguet e Luca Faifer occupano rispettivamente gli altri due gradini del podio dopo Anton Palzer.

Niente di nuovo nella gara femminile, con la fuoriclasse francese Laetitia Roux che fa un sol boccone della concorrenza vincendo in 1h28'28”, seguita sul podio dalla connazionale Axelle Mollaret seconda in 1h31'17” e dalla svizzera Jennifer Fiechter terza in 1h36'11”. Grande prova di Katia Tomatis, che al suo esordio con la nazionale si piazza sesta in 1h37'38” ed è la migliore delle azzurre, Elena Nicolini si piazza decima in 1h41'45”, Martina De Silvestro è quattordicesima in 1h43'40”, ma è la pirima Espoir, Dimitra Theocharis è ventiduesima, ritirate Alessandra Cazzanelli e Martina Valmassoi.

Dominio Italia nelle prove Junior. Tra i maschi vince alla grande Davide Magnini in 1h19'18”, seguito da Valentino Bacca 2°in 1h22'18”, quindi Nicolò Canclini 5°, Pietro Canclini 12° ed Erik Pettavino 13°.

Nella prova femminile vittoria di Giulia Compagnoni che precede Alba de Silvestro, settima Erica Rodigari, ritirata Giorgia Dalla Zanna.

Domani si gareggia in una Sprint.

In allegato la classifica completa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti