Punta Parrot e Ludwigshohe – Gressoney La Trinitè – Itinerario sci e snowboard alpinismo

Di GIANCARLO COSTA ,

01 Apertura Itinerario Punta Parrot
01 Apertura Itinerario Punta Parrot

INIZIO ESCURSIONE: Punta Indren (quota 3275m in funivia da Gressoney La Trinitè - Staffal)
ACCESSO: Per arrivare a Staffal (Gressoney La Trinitè), prendere l’autostrada Torino-Aosta e uscire a Pont Saint Martin, quindi seguire le indicazioni per Gressoney – Monte Rosa, fino al parcheggio in località Staffal, dove finisce la strada e iniziano le piste da sci. Da qui prendere la funivia fino Punta Indren.
DISLIVELLO: 1160 metri circa
DIFFICOLTA: 4.3 / E2 D- / S5
TEMPO: 3h circa
PERIODO CONSIGLIATO da aprile a giugno
ATTREZZATURA: da scialpinismo o snowboard-alpinismo, con rampant e ramponi, corda e piccozza, visto che ci si muove anche su ghiacciaio.
CARTOGRAFIA: 1:50000 MONTE ROSA
INDIRIZZI UTILI:
Soccorso alpino 118
Società Guide di Gressoney: 0125366280
ATP Monte Rosa Walser: 0125366143
atpwalser@libero.it
www.aiatmonterosawalser.it

DESCRIZIONE ITINERARIO

Arrivare a Staffal, parcheggiare e prendere la funivia che via Gabiet-Passo dei Salati porta a Punta Indren. Questo itinerario è stato realizzato salendo il canale di Croce Casati, di fronte a Punta Indren, sopra il rifugio Mantova; all’uscita del canale salire in direzione del Col del Lys.
Continuare a salire e dove il ghiacciaio spiana, il colle del Lys, si continua piegando verso destra l’evidente cresta della Punta Parrot. In corrispondenza di un evidente roccione, cambiare assetto, calzare i ramponi, ed eventualmente legarsi, in base alle condizioni della neve. Salire per cresta fino al punto culminante, la vetta è a quota 4436 metri.

Dalla cima della Parrot, cambiare assetto, calzare snowboard o sci, e scendere sul versante Nord la paretina di 200 metri di dislivello a circa 45°. Fare prima un leggero diagonale, rispetto alla massima pendenza, verso la propria destra e poi verso sinistra, cercando il punto più agevole per superare la terminale.
Una volta superata la terminale si raggiunge l’evidente traccia proveniente dalla Capanna Margherita ed in breve si ritorna al Colle del Lys.

Si può anche effettuare una deviazione verso sinistra, per risalire l’evidente pendio della Ludwigshohe (quota 4342m) e quindi scendere sull’altro versante verso il Col del Lys.
Da qui ritornare verso Punta Indren seguendo l’itinerario di salita al contrario, affrontando con cautela la discesa nel canale di Croce Casati.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti