Tutti pronti per il Trofeo Mezzalama: comunque vada sarà un successo! Diretta streaming dalle 9 di sabato 2 maggio

Di GIANCARLO COSTA ,

Il Trofeo Mezzalama
Il Trofeo Mezzalama

Poco più di 24 ore alla partenza del Trofeo Mezzalama, giunto quest'anno alla 20a edizione. Un'edizione che comunque passerà alla storia, perchè gli scialpinisti partiranno da Gressoney-La-Trinitè e arriveranno a Cervinia, affrontando al contrario il percorso che dal 1997 è stato riproposto dagli organizzatori della Fondazione Trofeo Mezzalama nella cosidetta terza vita del Mezzalama, dopo quelle degli anni '30 e degli anni '70. Solo una volta, nel 1936, si effettuò una gara con partenza dalla Capanna Gnifetti e arrivo a Plan Maison, per festeggiare l'inaugurazione del primo troncone della funivia, che attualmente porta gli sciatori al Plateau Rosa.

Quest'anno si celebrano i 150 anni dalla prima salita del Cervino, e proprio in onore di questa celebrazione la Fondazione Mezzalama e il suo responsabile Adriano Favre, hanno deciso di farlo disputare al contrario, arrivando e non partendo come nelle edizioni precedenti, sotto “La Gran Becca”, il Cervino. Un'incognita per tutti, anche per gli organizzatori, ma non un azzardo. Il fascino della traversata del Monte Rosa, sul filo dei 4000, passando per il Naso del Liskamm e il Castore rimane tale, aumenteranno le difficoltà alpinistiche, nonostante la messa in sicurezza delle discese da effettuare legati con i ramponi in acciaio ai piedi, perchè alle cordate di 3 scialpinisti sarà richiesta una concentrazione maggiore per evitare cadute pericolose, soprattutto in centro gruppo, dopo una salita che avrà caratteristiche ben diverse da quella tradizionale sulla pista del Ventina. Dai 1637 metri di quota di Gressoney-La-Trinitè ai 4272 metri del Naso del Liskamm ci sono 2600 metri di dislivello, di cui solo i primi 900 sono addomesticati in pista, gli altri richiederanno tecnica, gambe e cuore, non solo per passare i cancelli, ma per vivere un'avventura in alta montagna anche nel contesto di una gara agonistica con tanto di pettorale.

A proposito di gara, che vedrà al via 286 squadre per un totale di 858 scialpinisti, non bisogna dimenticare che questo è l'atto finale della stagione scialpinistica 2014-2015, che contribuirà ad assegnare, oltre alla prestigiosa vittoria di giornata, anche i punti per la Coppa del Mondo, che si deciderà proprio sul traguardo di Cervinia. Grandi favoriti sono gli alpini del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, per l'occasione portacolori dell'Italia, con Matteo Eydallin, Damiano Lenzi e Michele Boscacci. L'anno scorso di questi tempi trionfarono nella svizzera Patrouille des Glaciers, quindi squadra che vince non si tocca, soprattutto perchè “Eyda” e “Lence” sono stati i dominatori della stagione a squadre, con le vittorie ai Mondiali di Verbier, alla Pierra Menta, all'Adamello e per Eydallin alla finale di Prato Nevoso. Altrettanto competitiva la squadra 2 dell'Italia, con Robert Antonioli, Manfred Reicchegger e Lorenzo Holzknecht. Nei pronostici del 25 aprile, data originale della disputa del Mezzalama, spostato per le previsioni di maltempo, a contendere la vittoria ai nostri scialpinisti avrebbe dovuto essere il team franco-spagnolo di William Bon Mardion, Xavier Gachet e..Kilian Jornet Burgada. Ma il rinvio coincideva con la sua partenza per il Nepal, confermata nonostante i tragici fatti di questi giorni. Quindi il terzo sarà Yoann Sert, con uno spessore ben diverso dall'asso spagnolo, vincitore del Mezzalama nel 2011 e secondo nel 2013.

La classifica di Coppa del Mondo vede al comando Robert Antonioli, seguito da Kilian, Bon Mardion, Gachet e Lenzi, compresi in meno di 200 punti.

Lotta per la vittoria in questa gara leggendaria per i top team e “lotta con l'alpe” per gli altri, per arrivare al traguardo di questa magnifica avventura che è il Trofeo Mezzalama, un viaggio fatto di passione, fatica, amore per la montagna, il cui successo sarà per tutti partire da Gressoney e arrivare a Cervinia, sul filo dei 4000.

Un viaggio che racconteremo su snowpassion a partire da sabato pomeriggio e che si potrà vedere in diretta streaming a partire dalle 9 di sabato 2 maggio sempre nella sezione video di snowpassion.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti