Pechino batte Almaty, in Cina le Olimpiadi invernali del 2022

Di GIANCARLO COSTA ,

Logo Olimpiadi Pechino 2022
Logo Olimpiadi Pechino 2022

Pechino batte Almaty. E' questo il verdetto uscito a Kuala Lumpur dalla 128sima sessione del CIO (Comitato Olimpico Internazionale), chiamato a votare la città che ospiterà l'edizione 2022 dei Giochi Olimpici Invernali. Sono così stati rispettati i pronostici della vigilia che volevano la città cinese in vantaggio nei confronti della località kazaka nonostante un piccolo fuoriprogramma che ha costretto i membri votanti a ripetere la votazione con carta e penna dopo che la prima votazione elettronica non era andato a buon fine. Pechino entra così nella storia per essere la prima città a organizzare sia una manifestazione olimpica estiva (accadde nel 2008) che una invernale fra sette anni, confermandosi come scelta sicura e dalla solida forza economica.

In città si disputeranno le gare degli sport del ghiaccio (short track, pattinaggio di figura, pattinaggio di velocità, curling e hockey), mentre lo sci alpino gareggerà nell'area montana di Xiaohaituo (situata a un centinaio di chilometri da Pechino). Nella stessa area sorgerà la pista di slittino, bob e skeleton. Invece sci di fondo, biathlon, salto con gli sci, combinata nordica, snowboard e freestyle saranno disputati a Zhangjiakou, lontana 200 chilometri dalla capitale. I Giochi si apriranno venerdì 4 febbraio e si chiuderanno domenica 20 febbraio. Il continente asiatico sarà così protagonista a livello per la terza volta consecutiva dopo l'edizione 2018 dei Giochi invernali che si disputeranno a PyeongChang e quella estiva del 2020 che si terrà a Tokyo.

La sessione del CIO ha ufficializzato pure la terza edizione dei Giochi Olimpici Invernali Giovanili del 2020 che andrà a Losanna (Svizzera), la quale ha battuto Brasov (Romania).

Fonte fisi.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti