Ochner e Bagozza secondi nel PSL Event di Piancavallo

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio PSL Event Piancavallo (foto fisi)
Podio PSL Event Piancavallo (foto fisi)

Nadya Ochner e Daniele Bagozza hanno infiammato i tifosi azzurri giunti a Piancavallo, per godersi la gara a squadre di snowboard parallelo. I due italiani, autori di una cavalcata eccezionale, si sono dovuti arrendere in finale davanti ai tedeschi Ramona Theresia Hofmeister e Stefan Baumeister, vincitori nove giorni fa della medesima prova disputata a Bad Gastein. Il team guidato da Cesare Pisoni può festeggiare l'ennesimo podio, questo dal sapore molto particolare perchè ottenuto in casa e in una località che tanto ha lavorato per ospitare una tappa della Cdm. Il terzo gradino del podio invece porta la firma del team austriaco composto da Claudia Riegler ed Andreas Prommegger.

Nel PSL Event buono anche il percorso di Sindy Schmalzl e Maurizio Bormolini decimi, eliminati quarti di finale proprio dai compagni finalisti, mentre si sono fermati alle pre-final Dalmasso/Coratti diciottesimi e Moroder/March ventunesimi.

Fonte fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti