Nuova seggiovia in Val D'Aveto (GE)

Di GIANCARLO COSTA ,

seggiovia
seggiovia

La notizia potrebbe far parte di una polemica locale. Sull'appennino ligure, a Santo Stefano d'Aveto, il 9 giugno sono partiti i lavori per la costruzione di una nuova seggiovia sulle pendici del monte Bue, per tentare di far ripartire un comprensorio sciistico che è già fallito 2 volte negli anni scorsi.

A fronte della decisione, che appare definitiva, presa dalle autorità comunali, magari sotto l'onda emotiva delle abbondanti nevicate dello scorso inverno, il movimento "Appennino Democratico-Eco Appennino" contesta snocciolando numeri e cifre che dovrebbero far pensare. Si parla di circa 80000 euro per l'innevamento artificiale (visto che siamo a quota massima di 1777 metri circa del monte Bue), di 840000 metri cubi d'acqua per l'innevamento artificiale. Qualcuno si chiede dove verrà presa tutta quell'acqua: togliendola all'agricoltura, lasciando all'asciutto le valli o costruendo una diga gigantesca?

Sviluppare il turismo con un impianto meccanizzato a quote e latitudini mediterranee nel 2008, pone qualche interrogativo alle persone di buon senso.

Interrogativo che s'ingantisce leggendo dell'ultimo allarme in arrivo dal Swiss Federal Institute for Snow and Avalanche Research di Davos, in Svizzera, che lancia un allarme davvero sconcertante. Secondo le analisi svolte dai ricercatori svizzeri e pubblicate sulla rivista New Scientist, la media dei giorni di neve per ogni inverno degli ultimi vent'anni si sarebbe ridotta drasticamente e inesorabilmente fino a toccare livelli minimi storici, senza accenni di ripresa. Negli anni peggiori, i giorni di neve erano addirittura il 60 per cento in meno di quelli degli anni Ottanta.

Preoccupante la situazione dei paesi di montagna fino agli 800 metri di quota. Per i paesi fino a 1300 metri, i giorni utili per sciare si sono ridotti da 55 a 38 per ogni stagione, mentre sopra questa quota sono scesi da 93 a 74.

I dati che hanno portato a questa conclusione sono quelli raccolti negli ultimi dieci anni da più di 30 stazioni metereologice dislocate sull'arco alpino tra i 1200 ed i 1800 metri di quota.

I ricercatori svizzeri si sarebbero anche sbilanciati formulando scenari a dir poco disastrosi per gli anni a venire. Oltre alla scomparsa di tutti gli sport invernali nel 2070, che oggi coinvolgono milioni di persone, c'è da considerare l'allarme sicurezza per tutti i paesi di montagna, a causa di frane e smottamenti in alta quota.

Secondo lo studio svizzero, sarebbe troppo tardi per invertire il trend negativo, anche per colpa dell'uomo: ammesso che tutti si impegnino a modificare i comportamenti dannosi per l'ambiente, per riparare ai danni climatici prodotti dall'inquinamento e dalle attività umane negli ultimi vent'anni, ce ne vorrebbero almeno altri venti. E la situazione delle Alpi sarebbe irrimediabilmente compromessa.

E la seggiovia di Santo Stefano d'Aveto?

Magari servirà per i biker desiderosi di fare downhill...

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti