Nella tappa di Coppa del Mondo di Planica il norvegese Klaebo torna dominatore

Di GIANCARLO COSTA ,

La coppa del Mondo sci di fondo a Planica in Slovenia (foto fis crosscountry)
La coppa del Mondo sci di fondo a Planica in Slovenia (foto fis crosscountry)

Sprint

Dopo il secondo posto dietro al nostro Federico Pellegrino, Johannes Klaebo è tornato a trionfare in una gara di Coppa del mondo di sci di fondo, la Sprint di Planica in Slovenia. Il norvegese ha vinto la sua ottava gara in stagione confermando, se mai ce ne fosse bisogno, la sua supremazia. Dietro di lui il connazionale Emil Iversen e lo svedese Teodor Peterson. Gli italiani in gara erano Maicol Rastelli e Stefan Zelger e si sono piazzati rispettivamente 23° e 31°. Una caduta ha impedito a Federico Pellegrino di superare il taglio nelle qualificazioni della sprint a tecnica classica di Planica, in Slovenia. Il campione del mondo in piena corsa per finire nei trenta che si giocheranno la vittoria, ha perduto il controllo degli sci nella curva che immette sul rettilineo del traguardo, finendo sulla neve. Prontamente rialzatosi, ha provato a raggiungere il traguardo, senza riuscire tuttavia a limare i danni. Erano 33 gare di specialità che Pellegrino non usciva nella fase preliminare.

Nella gara femminile vittoria svedese con Stina Nilsson ha battuto le due norvegesi Kathrine Harsem e Maiken Falla. Lontane dalla vetta le azzurre: Lucia Scardoni 24a , Francesca Baudin 33a , Greta Laurent 34a , Alice Canclini 41a e Gaia Vuerich 42a .

10 km TC femminile e 15km TC maschile

Il giorno dopo la Sprint si sono disputate le gare distance, 10 km TC femminile e 15 KM TC maschile.
Nella gara femminile Krista Parmakoski si è imposta in 27'08", superando di 3"6 la svedese Charlotte Kalla e di 33"5 la norvegese Heidi Weng. Fuori dalla zona punti le azzurre: Virigina De Martin, alla seconda presenza stagionale sul circuito maggiore dopo Dobbiaco, ha concluso 38a , seguita di una posizione da Sara Pellegrini, mentre Anna Comarella è finita 44a , Francesca Baudin 47a e Lucia Scardoni 52a . La classifica generale vede in testa Weng con 1254 punti, seguita da Ingvild Oestberg con 1087 e Diggins con 852.

Nella gara maschile il norvegese Johannes Klaebo si è dovuto arrendere al kazako Alexey Poltoranin, che ha tagliato il traguardo in 36’54”, quasi quindici secondi meglio di Klaebo, secondo classificato. Il terzo gradino del podio è occupato dallo svedese Calle Halfvarsson che ha fermato il cronometro sul 37’37”. Il primo degli azzurri è stato Francesco De Fabiani che si è piazzato 21°, mentre Maicol Rastelli ha terminato la sua gara in 25°, Dietmar Noeckler 38°, Stefan Zelger 51° e Sergio Rigoni 56°.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti