Mountain Attack Saalbak: vittoria con record di Tadei Pivk su Damiano Lenzi

Di GIANCARLO COSTA ,

Il podio della Mountain Attack di Saalback (foto FB Mountain Attack)
Il podio della Mountain Attack di Saalback (foto FB Mountain Attack)

La prestigiosa gara notturna austriaca di Saalbak, la Mountain Attack Marathon di 40 km e 3000 metri di dislivello, torna a parlare italiano, con un podio di prestigio. Nella notte austriaca, la partenza di ieri era alle 4 del pomeriggio, gli scialpinisti italiani sono tornati a dettar legge, fin dalla prima terribile salita, che a volte richiede l'uso dei rampant, che questa volta è stata addolcita da un po' di neve fresca caduta in giornata.

Nella Marathon vittoria con record per Tadei Pivk in 2h24'35”, dopo una lotta a quattro, con il friulano che si si è messo alle spalle due campioni assoluti dello scialpinismo mondiale, con Damiano Lenzi 2° in 2h28'31” e il francese William Bon Mardion 3° in 2h29'40”, 4° l'austriaco Chrstian Hoffmann in 2h29'41” e 5° il connazionale Johann Wieland in 2h35'34”. Tra i migliori gli italiani Georg Piazza 7° in 2h38'28”, Roberto De Simone 8° in 2h38'33”, Martin Stofner 9° in 2h38'40” e Franco Collè 11° in 2h39'07”.

Nella gara femminile vittoria per l'austriaca Michaela Erl in 3h09'06”, sull'azzurra Raffaella Rossi seconda in 3h12'04”, terza l'austriaca Andrea Holler in 3h13'28”. Ottime prove per Monica Sartogo 8a in 4h03'19” e la cuneese Maria Orlando 13a in 4h37'09”.

Ma non solo prova regina Marathon s'è disputata ieri. La gara Tour, la metà del chilometraggio e del dislivello rispetto alla Marathon, ha visto la vittoria dello sloveno Nejc Kuhar in 1h41'58”, seguito dall'austriaco Armin Neurauter 2° in 1h42', quindi gli italiani David Thoni 3° in 1h44'15”, Philip Gotsch 4° in 1h44'21” e 5° Ivo Zulian in 1h46'15”.

Nella gara femminile grande vittoria per Elena Nicolini in 2h14'33”, che precede le austriache Kati Wimmer seconda in 2h17'16” e Ulrike Exenberger terza in 2h19'38”.

Infine tricolore in vetta alla prima salita dello Schattberg piantato dal fuoriclasse Urban Zemmer, che a piedi o con gli sci, quando si parla di vertical non ha rivali e vince con 4 minuti di distacco sul secondo, 39'19” secondi il suo tempo. Al femminile la vittoria va alla padrona di casa Verena Streitberger in 53'51”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti