Monte Pebrun da Villaggio Primavera in Valle Stura - Itinerario sci e snowboard alpinismo

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura itinerario Monte Pebrun
Apertura itinerario Monte Pebrun

INIZIO ESCURSIONE: Da Villagio Primavera (Quota 1500m), frazione di Argentera in Valle Stura (CN)
ACCESSO: Per arrivare a Villaggio Primavera in Valle Stura, prendere l’autostrada Torino-Savona e uscire per Cuneo, quindi seguire le indicazioni per Cuneo e successivamente a Borgo San Dalmazzo per Valle Stura, Colle della Maddalena, Francia confine di stato. Risalire la Valle Stura, oltrepassare Pontebernardo e prima di Bersezio, su di un rettilineo in prossimità di alcune case, c’è l’indicazione Villaggio Primavera, parcheggiare ed iniziare l’escursione.
DISLIVELLO: 1300 metri circa
DIFFICOLTA: I / 4.2 / E2
TEMPO: circa 3 ore per la salita
ESPOSIZIONE DELLA DISCESA: nord-est
PERIODO CONSIGLIATO da febbraio ad aprile
ATTREZZATURA: da scialpinismo o snowboard-alpinismo, ramponi e piccozza
CARTOGRAFIA: IGC 1:50000 VALLI MAIRA GRANA STURA

Descrizione Itinerario

Quest’itinerario propone la salita al Mont Pebrun dalla Valle Stura, montagna di confine con la Francia e il Parco Nazionale del Mercantour. Partendo dal Villaggio Primavera (Quota 1500m), si risale il Vallone Forneris su una carrozzabile innevata, quindi dopo una ventina di minuti si piega decisamente a destra e da qui la salita si fa ripida con decise inversioni. Salendo si vede lo splendido paesino Ferrere, isolato in inverno, continuare la salita, con qualche saliscendi entrando nel Vallone Ferrere a destra del Rio Ferrere. Proseguendo nel vallone ci si alza di quota e si vedono distintamente i canali del Monte Pebrun. Individuare il canale Nord-Est, andare verso la sua ampia base ed iniziare a salirlo. Dalla parte centrale in su possono essere utili ramponi e piccozza, in funzione del tipo di neve che si trova. Si arriva sulla cima piana del Pebrun e da qui si vede l’ampio panorama sulla montagne francesi e cuneesi.

Iniziare la discesa con un ingresso stretto e una prima parte impegnativa, circa 300m sui 35/40°, quindi continuare la discesa seguendo l’itinerario di salita.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti