MONT BLANC FREERIDE - COURMAYEUR (AO) - 29,30.3.2008

Di GIANCARLO COSTA ,

bianco e jorasse
bianco e jorasse

DENIS TRENTO E ALAIN SELETTO VINCONO IL MONT BLANC FREE 2008

Dopo due giorni di gara e 3 prove cronometrate la squadra composta dai valdostani Alain Seletto[inline:bianco-e-jorasse.jpg] e Denis Trento si aggiudica la seconda edizione del Mont Blanc Free Ride, gara di freeride ai piedi del Monte Bianco. Precedono Matteo Eydallin e Mattia Coletti, terzo posto per Giacomo Amosso ed Emanuele Ravano. Nella classifica speciale per snowboarder si impone la coppia formata da Giacomo Perri e Teseo Bazzara.

continua..
“E’stata dura, ma è andata! – scherza Denis – Dopo la prima giornata sapevamo che era fattibile anche se dietro di noi c’erano team molto agguerriti in grado di batterci. Le prime due manche sull’Arp siamo stati bravi a prendere i giusti rischi, ma essendo abituati entrambi alle gare di sci alpinismo non è stato difficile. Il secondo giorno invece lungo il canale di Dolonne ho perso uno sci, e sono finito molto basso. Alain mi ha aspettato, ma sapevamo che avevamo solo 3’ di tempo per gestire l’imprevisto altrimenti ci avrebbero battuto. Ce l’abbiamo fatta!”

Sorridente anche Alain Seletto: “E’ stata la mia prima gara di freeride e mi sono davvero divertito. Quando dopo le prime due prove eravamo in testa pensavo bastasse solo “controllare” nella terza prova, ma non avevo calcolato l’imprevisto…per fortuna un concorrente di un’altra squadra ci ha aiutato a recuperare lo sci così non abbiamo perso troppo tempo.”

Il racconto di Alain tocca uno dei punti cardine che muove questa gara: la voglia di stare insieme e di divertirsi, l’agonismo sì, ma deve essere sana competizione che significa anche fermarsi, se necessario, per aiutare chi è in difficoltà.

Nella classifica del Mont Blanc Free trovano spazio fra le prime squadre classificate numerosi team che gareggiano abitualmente a livello internazionale nello scialpinismo, questo dimostra che per vincere sfide come questa non basta essere eccellenti sciatori in grado di scendere in picchiata dall’inizio alla fine del percorso, serve qualcosa di più: bisogna avere una buona dose di resistenza, tattica e tecnica di discesa e sicuramente tanto coraggio per lanciarsi lungo un percorso mai visto prima. Solo 5 giorni prima Denis Trento in coppia con Matteo Eydallin, qui secondo classificato, era arrivato secondo ai Campionati Italiani di scialpinismo a Garessio, con Alain Seletto quarto, in una stagione che l'ha visto vincere numerose gare di scialpinismo, anche nazionali come la Coppa Italia al Flassin.

Il coraggio però non è mancato nemmeno a Giulio Signò che ha garantito, insieme ad altre cinque guide, la sicurezza lungo tutto l’itinerario. “Abbiamo iniziato a lavorare quattro giorni prima della gara sui percorsi. – spiega Giulio, guida alpina e responsabile della sicurezza dei percorsi Mont Blanc Free 2008 - Lavorando a Courmayeur tutto l’anno conosciamo le condizioni di innevamento e i pericoli quindi era solo necessario individuare la situazione più sicura per tutti i partecipanti: rider fortissimi, ma anche sciatori discreti alle prime esperienze di freeride. Abbiamo scelto di guidare la discesa mettendo delle porte da gigante in modo da creare un itinerario guidato per rallentare i concorrenti e per aiutarli a vedere la linea di discesa. C’erano anche delle bandierine nei punti chiave, sempre per visualizzare al meglio il percorso. Ogni guida monitorava un tratto di gara in modo da coprire tutto: dalla partenza all’arrivo. E’ andato tutto bene, solo il primo giorno un concorrente ha dovuto abbandonare la gara dopo una caduta nella quale ha riportato la lussazione della spalla, ma sappiamo che sta già meglio.”

Giorgio Passino, l'organizzatore, chiude un’altra bella esperienza: “Sono felicissimo che sia andato tutto bene, vedere questi ragazzi così felici e divertiti è la cosa più importante. E’ stata dura, ma ce l’abbiamo fatta, ora mi merito un po’ di riposo….devo recuperare energie per il 2009!”.

In allegato le classifiche[inline:CLASSIFICAfinaleMBF08.pdf][inline:CLASSIFICAprimaPROVA.pdf][inline:CLASSIFICAsecondaPROVA.pdf][inline:CLASSIFICAterzaPROVA.pdf] e la galleria fotografica di Damiano Levati

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti