Michele Boscacci vince il quarto Trofeo Internazionale dell´Etna. Roberta Pedranzini taglia il traguardo con Francesca Martinelli

Di GIANCARLO COSTA ,

Vulcano-neve-e-mare, questo-è-il-Trofeo-dell'Etna.jpg
Vulcano-neve-e-mare, questo-è-il-Trofeo-dell'Etna.jpg

La terza tappa di Coppa Italia, disputata questa mattina sulle nevi vulcaniche dell´Etna ha visto la partecipazione di una settantina di atleti, ma il dato che più ha sorpreso gli organizzatori è che sono arrivati a Nicolosi oltre duecento accompagnatori per salire sui crateri dell´Etna.

La partenza è stata posticipata di trenta minuti per lasciare che la neve diventasse più morbida. Il tracciato da affrontare aveva un dislivello di circa 1400 metri diluiti in tre salite, con discese molto tecniche ma non pericolose.

Pochi secondi dopo le dieci Michele Boscacci si è messo subito in testa a tirare il gruppo, alle sue spalle Lorenzo Holzknecht, e Daniele Pedrini entrambi dello sci club Alta Valtellina, appena dietro al gruppetto di testa una vecchia conoscenza delle nevi del vulcano siciliano, Graziano Boscacci vincitore della prima edizione. Nella gara femminile le due bormine hanno condotto la gara come se fosse una prova generale per il Sellaronda, una dietro l´altra con lo stesso e implacabile ritmo. Annemarie Gross e Claudia Comello sono già staccate di qualche minuto.

Nella prima discesa si vede sbucare Boscacci junior, inseguito da Holzknecht, al cambio d´assetto sci/ramponi Boscacci parte con una ventina di secondi di vantaggio. Daniele Pedrini ha qualche problema con il rampone che si sgancia, ma nel giro di qualche istante è tutto risolto. Boscacci Senior passa con Thomas Trettel. Davide Pierantoni è sesto.

Le bormine arrivano al cambio pelli insieme e in perfetto sincrono ripartono con i ramponi ai piedi. La discesa che porta verso il piano dei Pompieri è velocissima, gli atleti volano sulla neve primaverile senza nessuna difficoltà.

L´ultima salita verso il cratere Silvestri non porta cambiamenti in classifica, Michele Boscacci ripete la vittoria del padre con 1.08.58, Holzknecht è secondo con un minuto e mezzo circa di ritardo. Completa il podio Daniele Pedrini.

Anche in campo femminile le cose non cambiano, Martinelli e Pedranzini continuano a salire con un buon ritmo sino all´ultimo cambio. La breve discesa finale è una volata e le due azzurre tagliano il traguardo con il tempo di 1.28.53. L´atleta del Bogn da nia, Annemarie Gross è terza con 1.42.47, quarta  Claudia Comello dello sci club Mont Nery.

Va in archivio anche la quarta spettacolare edizione del Trofeo Internazione dell´Etna, il prossimo anno il Comitato Organizzatore ha proposto la candidatura per ospitare nuovamente una tappa di Coppa del Mondo. La scorsa settimana la Commissione Scialpinismo della Fisi ha dato la sua approvazione per portare la candidatura alla Ismf. Sarà dunque Coppa del Mondo?

Classifica maschile

1. Michele Boscacci, Pol. Albosaggia, 1.08.58; 2. Lorenzo Holzknecht, sc Alta Valtellina, 1.10.22; 3. Daniele Pedrini, sc Alta Valtellina, 1.11.11; 4. Graziano Boscacci, Pol. Albosaggia, 1.11.47; 5. Thomas Trettel, Bogn da nia, 1.13.02; 6. Davide Pierantoni, sci Cai Schio, 1.13.40;

Classifica femminile

1. Roberta Pedranzini, sc Alta Valtellina, 1.28.53; 1. Francesca Martinelli, sc Alta Valtellina, 1.28.53 3. Annemarie Gross, Bogn da nia, 1.42.47; 4. Claudia Comello, sc Mont Nery, 1.51.16; 5. Monica Sartogo, US Aldo Moro Paluzza, 1.59.29; 6. Tamara Lunger, ski Team Fassa, 2.03.19; 7. Loretta Derù, sc Cima Dodici, 2.08.08.

In allegato la classifica completa

Fonte press.areaphoto.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti