Michela Moioli quarta e Sommariva settimo, il secondo SBX di Valmalenco a Samkova e Hammerle

Di GIANCARLO COSTA ,

SBX gara 2 Valmalenco (foto fis ski)
SBX gara 2 Valmalenco (foto fis ski)

Michela Moioli non si ripete nella seconda gara di SBX a Chiesa Valmalenco. Una finale sfortunata la lascia al quarto posto, preceduta dalla ceca Eva Samkova, dall’americana Faye Gulini e dalla francese Julia Pereira de Sousa. La campionessa bergamasca rimane giù dal podio, dopo una buona partenza.
Sofia Belingheri, approdata alla finale di consolazione, ottiene l'ottavo posto finale.
Fuori nei quarti Raffaella Brutto nona, Francesca Gallina 13ma e, mentre Caterina Carpano 25ma si era fermata agli ottavi.

In campo maschile la vittoria va all'austriaco Alessandro Hammerle, davanti al francese Merlin Surget e all'americano Hagen Kearney. Il miglior azzurro è Lorenzo Sommariva, settimo.
Ai quarti era uscito Filippo Ferrari 9°, Michele Godino e Tommaso Leoni erano usciti agli ottavi, entrambi classificati al 25° posto. Thomas Belingheri 49°, Matteo Menconi 49°, Omar Visintin 49° e Niccolo Colturi 62°.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti