Il Memorial Leonardo Follis di Gressoney-Saint-Jean (AO) a Marco Moletto e Gloriana Pellissier

Di GIANCARLO COSTA ,

L'arrivo di Franco Collè, organizzatore e concorrente al Memorial Leonardo Follis di Gressoeney Saint Jean
L'arrivo di Franco Collè, organizzatore e concorrente al Memorial Leonardo Follis di Gressoeney Saint Jean

Decima edizione per la gara che ricorda il campione gressonaro di sci di fondo, corsa in montagna e scialpinismo Leonardo Follis, che ci ha lasciati 13 anni fa in un incidente in montagna. In tanti sono accorsi anche quest'anno, ben 176, alla gara scialpinistica in salita sulla pista del Weissmatten a Gressoney Saint Jean, uno dei luoghi in cui spesso si allenava. Organizzata dallo Sci Club Gressoney Monte Rosa, con Franco Collè che si fa in quattro per far sì che tutto funzioni, era ovviamente presente anche la sorella Arianna, una delle più grandi fondiste italiane di tutti i tempi. Era in cima alla salita (4 km con 700 metri di dislivello positivo) all'arrivo del Wissomatto a dare via il the per i concorrenti, ed era alla premiazione per ringraziare tutti quelli che ogni anno vengono a Gressoney in omaggio a Leonardo.

Una serata mite per la stagione ha accolto al via il serpentone suggestivo di lucine frontali che dopo il via, per altro abbastanza tranquillo per il tipo di gara (Vertical Race), hanno iniziato a salire sulla pista rossa del comprensorio gressonaro (la nera è chiusa e barrata per le nazionali italiane e canadesi di sci alpino che sono qui ad allenarsi).

Protagonista assoluto della serata il cuneese Marco Moletto, che vince alla grande con il terzo tempo di sempre sulla salita del Weismatten, 28'22”. Nulla ha potuto questa sera chi detiene il record di questa gara, Dennis Brunod, che chiude sul secondo gradino del podio in 29'29”. Per il terzo posto la spunta allo sprint Matteo Stacchetti 3° in 29'46” su Franco Collè 4° in 29'57”, che ha assorbito senza problemi la grande prestazione del Tor des Geants di settembre chiuso al terzo posto. Al 5° posto un gradito ritorno sulle scene scialpinistiche, quello di Jean Pellissier in 30'44”, seguito da Mattia Luboz 6° in 31'31”, François Cazzanelli 7° in 31'55”, Mattia Roncoroni 8° in 31'58”, Andrea Basolo 9° in 32'30” e Klaus Mariotti 10° in 32'47”.

Nella Tecnica Libera vittoria di Corrado Vigitello in 35'03”, 2° Giuseppe “Pech” Ouvrier in 35'15”, 3° Giancarlo Costa in 38'28” e 4° Federico Roncon in 41'55”.

Negli Over45 vittoria di Massimo Gerard in 33'23”, 2° Enzo Passare in 33'41” e 3° Roberto Maguet in 33'45”.

Negli Junior vittoria per Henri Aymonod in 33'11”, 2° Enrico Cognein in 33'39” e 3° Matteo Gottardelli in 35'40”.

Vittoria di prestigio nella gara femminile per Gloriana Pellissier in 35'44”, seconda Giulia Collavo in 38'04”, Raffaella Miravalle terza in 38'57”, quarta Cristina Borgesio in 39'35” e quinta Paola Martoglio in 41'20”. A Claudia Titolo la categoria Over45 femminile in 40'31”.

In allegato la classifica generale e alcune foto della serata.

Per altre informazioni sulla gara e sul circuito Tour Ski Alp, con la prossima gara che si disputerà a Vetan il 19 gennaio, consultare il sito www.tourskialp.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti