Matteo Eydallin e Michele Boscacci vincono la Transcavallo, Balzarini e Ghirardi prime donne

Di GIANCARLO COSTA ,

Eydallin e Boscacci vincitori della Transcavallo (foto Facco Luca)
Eydallin e Boscacci vincitori della Transcavallo (foto Facco Luca)

Matteo Eydallin e Michele Boscacci con sulle nevi a confine dell’Alpago e del Piancavallo sabato mattina hanno vinto la 38^ edizione della Transcavallo.
Un’edizione epica quella della Transcavallo Long Distance Team 7.0 per sottolineare i 7000 metri di dislivello totale con le 7 vette raggiunte un pò distribuite tra Veneto e Friuli. La Transcavallo 2021 che assegnava punti per la Grande Course è stato un viaggio, un percorso entusiasmante e faticoso che rimarrà nei ricordi dei concorrenti.

Subito dopo la partenza data a Malga Cate (Chies d’Alpago) Matteo Eydallin e Michele Boscacci hanno preso il comando della gara e salendo verso il monte Guslon hanno dimostrato a tutti gli avversari le loro intenzioni per vincere la gara.
Matteo Eydallin e Michele Boscacci per tutta la durata della gara hanno mantenuto la prima posizione. Nella spettacolare salita del Canalino del Podestà i due battistrada hanno fatto il ritmo per la conquista del Monte Guslon. Nelle nevi di Piancavallo i due hanno amministrato il vantaggio cercando ogni tanto di godere del panorama che spaziava dalle Dolomiti al mare Adriatico,
Eydallin-Boscacci hanno fermato il cronometro in 3:36’51’’ mentre alle loro spalle si sono classificati con il tempo di 3:46’19’’ William Boffelli e Jakob Herrmann. In terza posizione si classificano Julien Michelon e Yoann Sert.

In campo femminile Bianca Balzarini e Corinna Ghirardi hanno vinto la Transcavallo con il tempo di 4:51’58’’ alle loro spalle Cecilia De Filippo e Martina De Silvestro. In terza posizione si sono classificate Federica Osler con Dimitra Theocharis.

Purtroppo questa edizione è stata caratterizzata dai presidi antiCovid proprio per questo motivo e per dimostrare ancora una volta la resilienza delle “genti di montagna” il Comitato Organizzatore, presieduto a Diego Svalduz, ha voluto disegnare un tracciato dove la forza, la tecnica e la resistenza alla fatica sono stato messi a dura prova. Val Salatis, Monte Guslon, Monte Cornor, Monte Tremol, creste aeree, ripidi canali e discese funamboliche, sono stati gli ingredienti principali di una gara d’altri tempi.
Il percorso disegnato è stato lungo, molto lungo, i chilometri percorsi sono stati circa 32, mai banali, con un dislivello positivo di 3.520mt spalmati nella salita di ben sette cime, alcune delle quali sono stati affrontati a piedi, con i ramponi calzati e con gli sci nello zaino.

Nella gara individuale vince il fortissimo atleta austriaco Paul Verbnjack con il tempo di 1:30’08’’ in seconda posizione si classifica Claudio Muller mentre in terza c’è Peter Leiter. In campo femminile vince l'austriaca Stephanie Kroll con il tempo di 1:47’22’’. In seconda e terza posizione si classificano Erica Turi e Claudia Titolo.

Venerdì sera gli organizzatori per accompagnare la Transcavallo hanno voluto riportare sulle nevi del Guslon la tradizionale fiaccolata che qualche anno fa era una vera e propria festa che anticipava l’evento sportivo. Una fiaccolata particolare con una sola persona che ha acceso le altre fiaccole disposte a forma di cuore proprio sui pendii del Monte Guslon.

Fonte Areaphoto

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti