Mammut vince tre ISPO Awards con le giacche Sota HS Hooded, Photic HS Thermo Hooded e lo zaino Trion Spine 50

Di GIANCARLO COSTA ,

Mammut vince 3 ISPO Awards
Mammut vince 3 ISPO Awards

Mammut vince ben tre premi ISPO all’interno delle categorie outdoor e snowsports nel settore dei prodotti innovativi durante la fiera sportiva invernale più grande al mondo che si svolge a Monaco in Germania nel mese di febbraio. La giacca SOTA HS Hooded Jacket della collezione sci è stata premiata dalla giuria internazionale come prodotto dell’anno nella categoria snowsports. Nella categoria outdoor invece, sono stati premiate la giacca Photic HS Thermo Hooded Jacket e lo zaino Trion Spine 50.

Le radici del marchio svizzero dell’outdoor risalgono al 1862, quando un piccolo produttore di corde decise di aprire una sua azienda in un paesino in Svizzera. Da quel momento in poi, innovazione e progresso sono diventate le forze trainanti del brand Mammut. Oggi il marchio di attrezzatura e abbigliamento da alpinismo ha un ruolo primario nel mercato outdoor e si impegna costantemente a sviluppare i migliori prodotti insieme agli atleti del Mammut Pro Team.

“Siamo molto orgogliosi di avere vinto dei premi grazie a questi tre prodotti; in modo particolare siamo felici che la SOTA Hs Hooded Jacket abbia vinto come prodotto dell’anno. I prodotti convincono per la loro tecnologia innovativa e per l’uso delle ultime novità in fatto di materiali. Vincere premi così ci incoraggia a continuare ad investire nello sviluppo di nuove tecnologie e materiali, per potere garantire agli amanti della montagna di tutto il mondo esperienze outdoor indimenticabili.”, dichiara Adrian Margeliste, direttore creativo di Mammut Sports Group AG

Sota HS Hooded Jacket

La SOTA HS Hooded Jacket rimane estremamente elastica, grazie all’uso della tecnologia Mammut PHASEknit, mentre il materiale Drytechnology PFC-free a tre strati rende la giacca impermeabile e traspirante. L’innovativo concetto PHASEknit permette l’integrazione senza cuciture di strutture 3D anti abrasione nei punti soggetti a maggior usura. In più, delle sezioni con piccoli fori sulla superficie del materiale accrescono la traspirazione in punti strategici come sotto le ascelle, sui lati e sulla schiena, assicurando così un ottimo controllo della temperatura corporea quando si indossa uno zaino. L’innovazione risiede nel processo PHASEknit che permette l’integrazione e il posizionamento in punti strategici di diverse proprietà materiali. Questo rende possibile la creazione di prodotti con meno cuciture e rinforzi che sono più resistenti, traspiranti e comodi da indossare. L’uso di saldature laminate garantisce un design unico. In aggiunta il processo PHASEknit assicura che il prodotto abbia un minor impatto ecologico. Grazie alla forma Georganic T-shape, la vestibilità e la libertà di movimento sono ulteriormente ottimizzati. La giacca è caratterizzata inoltre da scorrevoli chiusure lampo anti schizzo YKK Vislon® a due direzioni sulla parte frontale e per la ventilazione sotto le braccia; una ghetta in vita elastica e rimovibile, maniche preformate con polsini elastici per le mani. Completano le caratteristiche tecniche un cappuccio regolabile, compatibile con il casco. Per un’ulteriore protezione dall’ingresso di neve, i bottoni ci permetteranno di agganciare la giacca ai pantaloni. Ultimo ma non meno importante, degli inserti isolanti sono sigillati per una protezione ideale contro il freddo nelle zone più sensibili.
•Materiale: PFC-free, PHASEknit 3-layer DryTechnology•Misure: S-L (Donna) M-2XL (Uomo)•Peso: 880g (Donna, S) / 1050g (Uomo, L)•Colore: peacoat, bright white (Donna) / peacoat (Uomo)

Photics HS Thermo Hooded Jacket

La Photics HS Thermo Hooded jacket è la prima giacca al mondo ad usare la fusione laser. Questo piumino è completamente impermeabile e traspirante, ideale quindi in condizioni estreme di freddo, vento e bagnato (imbottitura: piuma d’oca 700 cuin). Mammut è particolarmente coinvolta nello sviluppo innovativo tecnologico di questo capo; la tecnologia laser fuse. Con questa tecnologia i materiali vengono uniti senza adesivi, creando così delle zone isolate senza cuciture. Il laser penetra lo strato del tessuto laser-transparent esterno andando a colpire uno strato assorbente che converte la luce in calore. Questo porta i punti che si uniscono a raggiungere la temperatura di fusione, per poi essere saldati insieme dalla pressione meccanica. Così facendo i due strati, quello esterno e quello interno, possono essere uniti senza cuciture visibili. In aggiunta, la nuova macchina laser permette la più completa libertà di design. Diverse misure di camere di isolamento possono essere saldate insieme permettendo di inserire quantità differenti di imbottitura a seconda della zona. Inoltre, non c’è perdita di piuma nel tempo grazie alla chiusura delle trapunte, senza punti di cucitura. Questo nuovo prodotto incorpora un processo di innovazione che è durato oltre due anni.
•Materiale: Mammut DRYtechnology™, 2L Laminat 100% polyester, 20‘000 mm water column•Peso: 830g•Misure: S-2XL•Colore: black

Trion Spine 50

Con lo zaino Trion Spine 50, Mammut presenta uno zaino da alpinismo con un rivoluzionario sistema per lo schienale: la tecnologia Mammut® Active Spine Technology® garantisce una più ampia libertà di movimento per spalle e anche, oltre che un uguale distribuzione del peso. Lo schienale si adatta ai movimenti naturali della colonna vertebrale durante la camminata e garantisce più comodità su salite impegnative con molto materiale sulle spalle. L’ampia apertura frontale permette un facile accesso al compartimento principale. Lo zaino inoltre dispone di tasche aggiuntive e diverse alternative per i materiali supplementari, un porta bastoni, agganci per sci e piccozze da ghiaccio, così come un cinturino per fissare la corda sotto al cappuccio. Infine le cinghie laterali di compressione permettono di ridurre il volume.
•Materiale: 420D Nylon Cross Ripstop, 840D Nylon JR Ballistic•Volume: 35 L / 50 L / 75 L•Peso: 2200g (%0L)•Colore: black, olive-black

Due atleti alpinisti di successo del Mammut Pro Team, Dani Arnold e Stephan Siegrist, hanno avuto la possibilità di testare a lungo il nuovo zaino e ne sono rimasti davvero entusiasti:

Dani Arnold: «Lo schienale con sistema Active Spine di Mammut è completamente diverso dagli zaini convenzionali. Specialmente le cinghie principali sono veramente comode durante la camminata, in quanto si adattano ad ogni movimento del corpo.»

Stephan Siegrist: «Il nuovo schienale Active Spine è un eccellente sviluppo tecnologico da parte di Mammut e risponde in maniera sorprendente quando lo si usa.»

Altre informazioni su www.mammut.com

Articolo Publiredazionale

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti