Magnini secondo nella Vertical di Disentis, Boscacci terzo, Antonioli in testa alla Coppa del mondo

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio maschile Disentis Vertical Race (foto ismf) (1)
Podio maschile Disentis Vertical Race (foto ismf) (1)

Vertical di Coppa del mondo in Svizzera a Disentis. Sul gradino più alto sale uno svizzero, Werner Marti, ma l'Italia piazza comunque due atleti sul podio, prima del gran finale di Madonna di Campiglio. A sorpresa c'è un espoir al secondo posto della categoria senior: è Davide Magnini, classe 1997, che ha chiuso a soli dieci secondi dal vincitore, conquistando ovviamente il primo posto della propria categoria. Terzo tra i senior è Michele Boscacci che conquista così il suo secondo podio consecutivo dopo essere arrivato alle spalle di Robert Antonioli nell'individuale: qui chiude con circa 20 secondi di ritardo da Marti.

Il leader di Coppa del mondo, Robert Antonioli, si classifica quinto, dietro il tedesco Anton Palzer, che gli aveva strappato lo scettro nella tappa cinese approfittando dell'assenza dell'azzurro e ora rosicchia cinque punti portandosi a -34 punti. Seguono Alex Oberbacher 6°, Henri Aymonod 14° (4° espoir), Nadir Maguet 26°, Damiano Lenzi 27°, Matteo Eydallin 30° e Nicolò Ernesto Canclini 32°.

Gara femminile

Alba De Silvestro è quarta nella vertical race di Disentis. L'azzurra è arrivata alle spalle della sorprendente svedese Johanna Astrom, mentre il successo è andato alla svizzera Victoria Kreuzer davanti alla francese Axelle Gachet Mollaret. Ottava Giulia Murada, davanti alla leader di Coppa del mondo Claudia Galicia Cotrina e ancora una volta migliore tra le espoir con oltre un minuto di vantaggio su Alessandra Schimd e Arina Riatsch, con Giulia Compagnoni quarta e Ilaria Veronese quinta.

Gara junior

Arriva un'altra vittoria italiana nella Coppa del mondo junior di sci alpinismo. Dopo il trionfo di Giovanni Rossi nell'individuale, a conquistare la vertical race a Disentis è Sebastien Guichardaz, che ha chiuso la prova con il tempo di 33'23"2, arrivando davanti agli svizzeri Aurelien Gay, distaccato di 18"8, e Florian Ulrich, dietro di 29"4. Quinto l'altro Guichardaz, Fabien, con un ritardo dal fratello di 51 secondi, nella top ten Daniele Corazza, ottavo, e Giovanni Rossi, che dopo il nono posto di oggi perde il primato in classifica generale e ora è alle spalle di Aurelien Gay di 31 punti. Nella gara femminile ennesimo successo della rusa Ekaterina Osichkina, fuori dal podio Samantha Bertolina e Valeria Pasquazzo, rispettivamente quarta a quinta.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti