A Madonna di Campiglio iniziano le finali di Coppa del Mondo, con Antonioli ed Eydallin leader delle classifiche

Di GIANCARLO COSTA ,

Robert Antonioli e Michele Boscacci Vertical Madonna di Campiglio 2019 (foto ismf)
Robert Antonioli e Michele Boscacci Vertical Madonna di Campiglio 2019 (foto ismf)

Tutto in tre gare e in quattro giorni. Madonna di Campiglio da giovedì 25 a domenica 28 marzo avrà il compito e l’onore di assegnare le Coppe del Mondo overall e di specialità e a giocarsi la generale maschile ci sono ben tre atleti che si giocano il tutto per tutto, ovvero il valtellinese Robert Antonioli, che ha un margine risicato di 26 punti sul francese Thibault Anselmet e più staccato il trentino di Vermiglio Davide Magnini con un gap di 167 punti.

Leader della generale, secondo nell’individual, quarto nella vertical, quinto nella sprint è Robert Antonioli, intenzionato più che mai a conquistare la sua quarta coppa di cristallo. Sensazioni della vigilia? «Sto abbastanza bene – spiega il valtellinese – anche se ho patito molto le gare dei Mondiali e del Pierra Menta, quest’ultima poi mi ha proprio sfasato. Per questo motivo questa settimana sono rimasto fermo ai box per recuperare energie. Quest’anno la sfida per la vittoria finale è combattuta come non mai, vorrà dire che se vinco avrò maggiore soddisfazione. Il francese Anselmet è stata la sorpresa di quest’anno. E’ cresciuto molto, io spero di essere competitivo in tutte e tre le gare, anche se nella sprint ci sono tanti giovani che danno filo da torcere e quest’anno è molto difficile passare i quarti. Sono però convinto che sarà Italia show a Campiglio. Abbiamo tanti ragazzi in lotta per le classifiche».

L’atleta di casa Davide Magnini punta invece ad un piazzamento nella generale della specialità individual, dove attualmente è in terza posizione ma a soli 20 punti dal leader Matteo Eydallin. «E’ sempre bello gareggiare in casa – precisa l’alfiere del Centro sportivo Esercito – in un ambiente dolomitico incantevole che tutti ci invidiano. Spero di essere in forma, ma ho buone sensazioni visti i risultati delle ultime gare e spero di confermarmi anche a Campiglio. Cercherò di dare il tutto per tutto, anche se la sprint non è proprio la gara che preferisco. L’obiettivo è di mettere in saccoccia il maggior numero possibile di punti, anche se non sarà facile perché tutti gli avversari sono tosti in tutte le specialità. Con l’attuale classifica ho più chance nella individual di domenica. Ce la metterò tutta».

Giovedì apertura con la sprint su un tracciato ricavato per la prima volta in località Fortini a Passo Campo Carlo Magno, che prevede uno sviluppo di 380 metri di salita, 430 metri di discesa e un dislivello di 75 metri. I primi a partire alle ore 8,30 saranno gli under 20 con le qualifiche, a seguire i senior. Subito dopo le varie batterie ad eliminazione diretta, fino alle finalissime.

Fonte Fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti