A Lizzola (BG) il Baz Snow&Race Trophy a Vanoncini su De Vecchi e Costa. Jenny Ferrod e Sergio Vanoncini vincono la Coppa Italia Trofeo Ergovis Snow-Alp.

Di GIANCARLO COSTA ,

Baz Snow&Race Trophy a Lizzola
Baz Snow&Race Trophy a Lizzola

Siamo tornati a Lizzola, sulle montagne orobiche della Val Seriana in provincia di Bergamo, dopo lo stop del 2013, per il Baz Snow&Race Trophy, gara di snowboard-alpinismo che chiude il circuito di Coppa Italia Trofeo Ergovis patrocinato dalla FSI (Federazione Snowboard Italia), dopo le gare di Vetan (AO), Filettino (FR), Prali (TO) e San Martino d'Ocre (AQ). La sorpresa di trovare la stazione perfettamente innevata, con gli impianti chiusi per motivi amministrativi era annunciata e quindi gli organizzatori della BAZ di Paolo Vigani e Cesare Pisoni (questa volta nei panni di organizzatore e film-maker) si sono adoperati per sfruttare il comprensorio per tracciare la gara e il Rifugio Campel (sulle piste di Lizzola) ha fornito la base logistica di questi due giorni e la possibilità di cenare in quota e di scendere al chiaro di luna per chi non si fermava a dormire il sabato sera.

Il sabato è la giornata dedicata alla tracciatura finale di queste gare, ma soprattutto al ritrovo di chi giunge da diverse parti d'Italia, di chi organizza la propria e corre in quelle degli altri, più un gesto d'amicizia che un obbligo di reciprocità. In fondo visto che siamo ancora in pochi a fare lo snowboard-alpinismo agonistico, ci si conosce tutti come nel freestyle di 20 anni fa, il weekend delle gare è un modo per incontrarsi, scambiarsi le esperienze di gite e consigli sui materiali, che si sviluppano e si ottimizzano proprio grazie a queste manifestazioni. In salita si possono usare scietti, o racchette da neve o split-board, con i primi ad avere performance ormai paragonabili su certi percorsi a quelli degli scialpinisti. A questo punto la speranza di chi ha visto nascere questo sport è che giovani snowboarder si avvicinino alla montagna e di conseguenza a queste gare, un po' come è successo ai ragazzi bergamaschi della BAZ allenati da Cesare Pisoni.

Proprio loro sono stati i protagonisti della stagione 2014 e di questa gara, con un dislivello di 900 metri distribuito in 2 salite e 2 discese, la prima di 750 dalla partenza alla cima degli impianti, seguita da una discesa sull'altro versante e da una successiva risalita con poco dislivello, 150 metri, ma molto sviluppo, fino allo chalet Mirtillo e quindi la discesa finale da qui al rifugio Campell. Si aggiudica questa gara Sergio Vanoncini in 1h00'31”, che con questa vittoria mette il sigillo anche sulla Coppa Italia, seguito da Giordano De Vecchi 2° in 1h03'04”, Giancarlo Costa 3° in 1h03'56” e Nicola Paris 4° in 1h06'00”. Tra questi tre è stata lotta serrata, con sorpassi e controsorpassi sia in salita che in discesa. Completano la top ten Igor Antonelli 5° in 1h11'29”, Massimiliano Sacchi 6° in 1h29'29”, Bruno Pelliccioli 7° in 1h41'49”, Stefano Ghilardi 8° in 1h42'12”, Edoardo Vavassori 9° in 1h46'14”, Damiano Barzaghi 10° in 1h50'24” e Fabrizio Giacomini 11° in 1h50'42”.

A Jenny Ferrod anche la vittoria femminile di questa tappa, tra l'altro 6a assoluta in 1h24'48”, e la Coppa Italia. Coppa Italia che vede alle sue spalle Valentina Perardi seconda, Francesca Ferraud terza e Ivana Graglia quarta.

Nella Coppa Italia maschile vittoria come detto di Sergio Vanoncini, seguito da Nicola Paris 2°, Giordano De Vecchi 3°, Giancarlo Costa 4° e Igor Antonelli 5°

In allegato le tante foto della gara di Lizzola e a breve le classifiche complete.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti