Le novità de La Sportiva all’ISPO di Monaco | Snow Passion

Le novità de La Sportiva all’ISPO di Monaco

Di GIANCARLO COSTA ,

Scarponi La Sportiva Stratos Hi Cube
Scarponi La Sportiva Stratos Hi Cube

Evoluzione continua e ricerca dell’eccellenza, su questa filosofia poggia le basi la mission di La Sportiva. Dallo storico brand della Val di Fiemme provengono infatti gli scarponi da scialpinismo più tecnici e innovativi nel panorama internazionale che, non a caso, troviamo ai piedi dagli atleti ai vertici delle classifiche mondiali.
Abbiamo esaminato per voi nel dettaglio la gamma 2018/2019, recentemente presentata all’ISPO di Monaco, le promesse sono state mantenute.

Scarponi Stratos Hi Cube

E’ lui il capostipite dei modelli race, leggerissimo e minimale: lo STRATOS HI-CUBE.
Totalmente in carbonio per un peso piuma di 480 grammi, con nervature di rinforzo ed innesti in materiali bullet-proof, anti-sfondamento, studiati appositamente per ridurre le vibrazioni e garantire una sciata ultraperformante.
La novità introdotta quest’anno riguarda l’inserto polimerico sul tallone: la soluzione compatta “Spur-Heel Construction” risulta compatibile con tutti i tipi di rampone e lo stesso inserto protegge lo scafo dagli urti durante la camminata. I sistemi di chiusura, efficaci e leggerissimi, mantengono questo attrezzo nella selezione top per la stagione a venire. Nella classifica, lo ricordiamo, stilata dai race-tester più autorevoli del settore, la scorsa versione di questo modello si era aggiudicata il titolo di “Boot of the year 2017”.

Scarponi Raceborg

Lo step appena al di sotto dello STRATOS Hi-cube (e con un prezzo decisamente piu’ contenuto) e’ occupato dal modello RACEBORG, che ricalca le linee di progetto del top di gamma, sempre alla ricerca di rigidità e leggerezza.
Lo scafo è questa volta in Grilamid ed il sistema di allacciatura “Spider Ratchet” genera una perfetta distribuzione su tutta la superficie della linguetta agendo su un singolo tirante.
Sul puntale troviamo la nuova piastrina brevettata in collaborazione con Ski Trab denominata “S4 Insert”, viene facilitato l’inserimento dell’attacco grazie alla sua specifica forma che agevola il centraggio.
Il peso del RACEBORG è di 760 gr e l’escursione angolare di 75°

Scarpone Synchro

Per chi predilige le discese fuoripista e la ricerca della linea più ripida ed elegante, La Sportiva propone lo scarpone SYNCHRO. Tra i numerosi accorgimenti è da evidenziare il sistema di bloccaggio posteriore ski-walk “Vertebra Technology”: esso costituisce parte strutturale del gambetto, garantendo massima sicurezza e precisione in “Downhill Mode”, scaricando la potenza dalla gamba allo scafo e allo sci per discese decise e potenti.
Sempre per assicurare flex in camminata e sostegno in discesa la linguella in Grilamid è formata da due parti sovrapposte con un flex index di 125, infine segnaliamo che la compatibilità del Synchro è studiata per gli attacchini race TECH, AT e in esclusiva per il sistema SkiTrab TR2.

Sci Gara Aero LS

Fedeli al motto “squadra che vince non si cambia” La Sportiva ha riconfermato la join-venture con Ski Trab, nuove grafiche quindi per i modelli race GARA AERO LS e freeride-skialp SUPERMAXIMO, tutti disponibili nella versione Man e Woman, per un connubio ottimale di precisione/reattività in discesa e leggerezza in salita.
Gli agonisti spingeranno avanti i propri limiti grazie alla tecnologia “attivo progressive shape” applicata ai GARA AERO LS, l’obiettivo di questi modelli ad altissime prestazioni è infatti quello di una sciata più facile e meno dispendiosa. In aggiunta per gli atleti più potenti viene consigliata la versione con flex70 che favorisce il sostegno sotto pressione ad elevata velocità.
Oltre alle geometrie vengono riconfermati anche per il 2018/2019 le costruzioni “Carbon Reinforcements” con strati in carbonio, fibra di vetro ed ibridi, i benefici sono una resistenza torsionale unica nella categoria e una flessibilità progressiva alle estremità.
Completano questo concentrato di tecnologia la soletta sinterizzata ad alta densità molecolare per la scorrevolezza e l’”Edge Radial Finishing” sulle lamine: 89° con inclinazione laterale di 1°, così da incidere le traiettorie sulla neve con la precisione di un rasoio.

Sci Supermaximo

Quattordici sono gli strati di legno e materiali hi-tech che si combinano per rendere il SUPERMAXIMO qualcosa in più di un semplice attrezzo sportivo, un’anima leggera ed i fianchetti di legno più resistente sono la ricetta che rende questo modello performante e con la giusta resistenza alla torsione.
La nuova tecnologia “Low Omega Profile” crea un profilo longitudinale variabile allo scopo di modulare meglio il flex dello sci. Il centro risponde immediatamente all’azione dello sciatore e le punte diventano gradualmente più morbide essendo così in grado di seguire attivamente i terreni sconnessi, il loro design diventa ora più lineare in modo da facilitare l’entrata in neve fresca e migliorare il controllo soprattutto in velocità. In coda il sistema “Duo Tech” mantiene la rigidità dello sci quando è piatto e ne aumenta il flex in curva in modo da aiutare la chiusura delle traiettorie.

Di Fulvio Scesa

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti