La Laetitia Roux (Reallon FRA): Katia Tomatis vince la gara intitolata alla fuoriclasse francese, a Matheo Jaquemod la gara maschile, 3º Filippo Barazzuol.

Di GIANCARLO COSTA ,

Matheo Jacquemod il vincitore
Matheo Jacquemod il vincitore

Di Filippo Barazzuol

Mercoledì 2 gennaio a Reallon si è svolta la gara dedicata a Laetitia Roux, l’enfant du pays, in quanto lei è originaria di Savines le Lac, ma è solita allenarsi a Reallon.

Percorso, sulla carta, da normale vertical infrasettimanale, infatti il dislivello si assestava di poco sotto i 900 metri, pur avendo una brevissima discesa da fare senza pelli a metà gara. Molto curata la tracciatura con lumini almeno ogni 20 metri, impossibile perdersi e piacevole colpo d’occhio anche per gli spettatori. Ma la chicca della manifestazione era il ripido canalino finale, illuminato a giorno da riflettori, da affrontare con gli sci legati allo zaino, che portava all’arrivo. Arrivo situato su una piazzola alla sommità del canale in cui era aggrappato un cronometrista che segnava i numeri dei concorrenti transitati e invitava la gente a scendere per non creare intralcio ai quelli che dovevano ancora arrivare.

Dato che il canale poteva spaventare qualche concorrente e visto il variegato livello di partecipanti, infatti erano presenti anche ragazzini, era anche previsto un percorso corto di sola salita in pista da 500 metri di dislivello.

La vittoria è andata al fortissimo Matheo Jaquemod in 33'58”, seguito dall’espoir della nazionale francese Leo Viret, e Filippo Barazzuol a chiudere il podio. Tra le donne vittoria della cuneese Katia Tomatis. Invece Laetitia ha fatto da “padrona di casa” accompagnando un gruppetto di ragazzini.

Folta la partecipazione degli italiani con 7' Fabrizio Armando, 13' Diego Cerquettini, 18' Gianluca Iavelli.

Gara ottimamente organizzata e segnalata, percorso più che divertente e tecnico hanno fatto si che al via i partenti erano più di 150. Ma tra questi 150 molti erano li solo per divertirsi, per guardarsi intorno e per fare un affascinante uscita con la luna, senza nessun affanno verso il cronometro.

Se si vuole cercare il lato negativo della serata sono stati gli spaghetti della cena, almeno su quelli in Italia ci difendiamo ancora alla grande!

In allegato la classifica completa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti