Itinerario Punta d’Archeboc (3278 metri), Ormelune – Valgrisenche (AO)

Di GIANCARLO COSTA ,

15-La-Punta-d'Archeboc-o-punta-Ovest-dell'Ormelune.jpg
15-La-Punta-d'Archeboc-o-punta-Ovest-dell'Ormelune.jpg

INIZIO ESCURSIONE: dopo Bonne, fine strada bivio interpoderale per Grand Alpe (quota 1926 m.)

ACCESSO: Per arrivare a Bonne da Aosta, risalire la strada statale in direzione di Courmayeur fino ad Arvier, quindi svoltare a sinistra e proseguire per la Valgrisenche. Risalire tutta la valle, oltrepassare la barriera della diga di Beauregard, superare l’abitato di Bonne, quindi seguire la strada fin quasi al fondo del lago. Parcheggiare al bivio interpoderale per Grand Alpe ed iniziare la salita.

DISLIVELLO: 1352 metri

DIFFICOLTA’: buon sciatore o snowboarder-alpinista

TEMPO: 3 ore per la salita circa

PERIODO CONSIGLIATO: da aprile a maggio

ATTREZZATURA: da scialpinismo o snowboard-alpinismo, necessari ramponi e piccozza per la cresta finale

CARTOGRAFIA: L’Escursionista Editore 1/25.000 n°3

INDIRIZZI UTILI:

Soccorso Alpino 118

DESCRIZIONE ITINERARIO

Dal bivio per la strada interpoderale iniziare la salita. Il primo tratto normalmente è a secco, quindi attraversare il torrente passando su un ponte con le traversine in ferro.  La neve può iniziare qui o qualche minuto di cammino più avanti, dipende dalla stagione. Proseguire nel piano in direzione del Col du Mont per poi risalire a sinistra. Attraversare ancora a sinistra ed imboccare un canale ampio e abbastanza ripido. In alto spiana, quindi costeggiando una morena e tenendo la destra ci si porta alla base del pendio finale. Qui la salita si fa più ripida, un lungo traverso porta ad una spalla dove normalmente la gente lascia gli sci, più o meno a quota 3200 metri. Da qui si segue la cresta, a tratti esposta, sino alla cima. Per questo tratto di salita si usano piccozza e ramponi. Se si portano sci o snowboard fino alla cima si può scendere dalla vetta, facendo attenzione alla prima parte, che richiede neve assestata visto che è abbastanza ripido. Si scende fino al pianoro, da qui in poi per rientrare seguire l’itinerario di salita al contrario.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti