Itinerari sci e snowboard-alpinismo: Farenga, Ventosa, Saccarello, Frontè - Monesi (IM)

Di GIANCARLO COSTA ,

APERTURA MONESI
APERTURA MONESI

INIZIO ESCURSIONE: Monesi di Triora (Quota 1310 m.)

ACCESSO: Autostrada A6 Torino-Savona, uscita Ceva, ss 28 per la Val Tanaro direzione Col di Nava. A Nava, svoltare a destra e salire seguendo la strada che porta a Monesi di Triora

DIFFICOLTA': Medio Sciatore o Snowboarder-alpinista

ATTREZZATURA: Normale attrezzatura da scialpinismo o snowboarder-alpinismo o racchette da neve

CARTOGRAFIA: IGC ALPI MARITTIME E LIGURI scala 1:50000

INDIRIZZI UTILI: Comunità Montana Alta Val Tanaro, via al Santuario 2, 12075 Garessio (CN)

cmaltavaltanaro@reteunitaria.piemonte.it tel 800076077

Ufficio Turistico Garessio, www.garessio.net, tel 0174805620

Rifugio Sanremo info@caisanremo.it tel 0184505983

Guide Alpine, info Silvano Odasso (tel. 0174345541 e 3355745001) e Matteo Canova 3381123787

www.risemountain.it

Soccorso alpino Garessio: tel 017481323 o 3402571084 o 118

DESCRIZIONE

Sci e snowboard-alpinismo vista mare, questa è la filosofia degli itinerari che si possono effettuare partendo da Monesi, paesino posto sul confine tra Piemonte e Liguria. La cima più conosciuta è il Monte Saccarello (2200 m.), che è il punto più elevato della Liguria. Da qui hanno origine le linee spartiacque che separano le vallate Roja (Francia), Tanaro (Piemonte) e Argentina (Liguria). Il Monte Saccarello è anche il baricentro culturale e geografico della comunità brigasca, una delle minoranze etniche e linguistiche tra le più piccole in Italia.

La salita al Monte Saccarello è relativamente semplice. Partendo da Monesi, risalire le piste da sci, in direzione della statua del Redentore, posta all'arrivo dello skilift. Da qui piegare verso destra verso il Monte Saccarello, sulla cui cima è posto un cippo di marmo. Da qui si può scendere per ritornare a Monesi, oppure continuare seguendo la cresta verso il Monte Tanarello (2036 m.), poi la Cima Ventosa (2136 m.) e ancora più a destra la Punta Farenga (2211 m.). Va detto che ognuna di queste cime può essere raggiunta con un itinerario diretto da Monesi.

Tornati a Monesi per la notte, si può  ripartire il giorno successivo per il Rifugio Sanremo, con una salita diretta da Monesi. Da qui, si può continuare per cresta, tenendo la sinistra dal Rifugio Sanremo, arrivando al monte Frontè (2090 m.) e successivamente alla Cima Garlenda (2141 m.). Le discese per ritornare a Monesi possono essere effettuate solo se la neve è assestata, vista la pendenza dei canali. Altrimenti si segue la cresta a ritroso ed in prossimità del rifugio Sanremo, scendere in direzione di Monesi.

(Itinerario realizzato da Marco Galliano, foto Marco Galliano, Katia Tomatis, Lucia Rabino, Antonello Bergia)  

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti