Itinerari Sci e Snowboard-alpinismo – Le vette di Merano 2000: Spieler, Picco Ivigna, Plattinger

Di GIANCARLO COSTA ,

APERTURA ITINERARI MERANO 2
APERTURA ITINERARI MERANO 2

La stazione sciistica di Merano 2000 è circondata da vette di diversa difficoltà e facile approccio per chi vuole cimentarsi nel freeride o nello scialpinismo. Per i più duri, non si usano gl’impianti e si parte a piedi da Falzeben (1608 metri), magari facendo tutte e tre le cime nello stesso giorno. Per i più tranquilli, si può salire il primo tratto da Falzeben a Piffing (1980 metri) con la funivia e poi salire verso le cime, magari una al giorno.

INIZIO ESCURSIONE: Falzeben (Quota 1608 metri) ACCESSO: Per arrivare a Falzeben, prendere l’autostrada del Brennero, uscire a Bolzano Sud, proseguire sulla superstrada ed uscire a Merano Sud , quindi proseguire seguendo le indicazioni per Avelengo e Merano 2000. Arrivare a Falzeben, parcheggiare ed iniziare l’escrursione DIFFICOLTA: BSA (Buoni sciatori e snowboarder alpinisti) PERIODO CONSIGLIATO da Dicembre a Marzo ATTREZZATURA: da scialpinismo o snowboard-alpinismo o racchette da neve CARTOGRAFIA: Carta Turistica Invernale Monti Sarentini 1:33000 RIFERIMENTI: www.snowcamp.it Tel. 3384049749 DESCRIZIONE ITINERARIO Per MONTE SPIELER (quota 2080 metri): Partendo da Falzeben, salire seguendo l’itinerario riservato ai pedoni che costeggia la pista di discesa, fino al Rifugio Rotwand Hutte. Da qui prendere la strada poderale, innevata e sempre battuta, fino alla base della seggiovia di St. Oswald. Da qui salire a bordo pista in direzione del Rifugio Meraner Hutte, quindi prendere il cammino del sentiero Europa e salire seguendo l’evidente cresta fino al Monte Spieler fisibile da lontano con la sua evidente croce. In discesa , dopo il primo tratto piegare a sinistra sul pendio puntando alla base della seggiovia del Monte Spieler. Da qui tornare seguendo l’itinerario di salita. Dislivello 500 metri circa, con notevole sviluppo. Tempo di salita 1h30’ Per PLATTINGER (quota 2615 metri): Partendo da Falzeben, salire seguendo lo stesso itinerario del Monte Spieler, continuando dopo il rifugio Rotwand Hutte fino a Piffing, dove arriva anche la funivia di Falzeben. Quindi continuare sulla strada pedonale innevata, fino a passare sotto la seggiovia di St. Oswald. Da qui continuare a traversare fino ad arrivare alle pendici del Plattinger, da qui prendere la cresta per arrivare fino in vetta. Scendere per l’itinerario di salita o nel canale sulla destra, che porta nei pressi della stazione di monte della seggiovia di St.Oswald. Da qui ritornare a Falzeben per l’itinerario di salita oppure salire al rifugio Kuhleiten per cresta, posto a meta strada tra il Plattinger e il Picco Ivigna. L’itinerario richiede neve assestata vista la pendenza della parte alta. Dislivello 1000 metri circa. Tempo di salita 2 ore circa. Per PICCO IVIGNA piccolo (quota 2552 metri): è l’emblema alpino di Merano. Si può raggiungere partendo a piedi da Falzeben o utilizzando gl’impianti fino alla stazione di monte della seggiovia di St. Oswald,. Da questo punto, raggiungibile anche con la discesa dal Plattinger, salire in cresta, quindi lasciare il rifugio Kuhleiten, non gestito in inverno, a sinistra e continuare fino alla cima del Picco Ivigna piccolo, sempre innevato. Da qui scendere per l’evidente vallone che porta alla pista e quindi a Piffing. Dislivello 950 metri. Tempo di salita 2 ore circa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti