Incredibile Italia dello Snowboard: dominano il PSL di Cortina con Mick 1º, Fischnaller 2º, Felicetti 3º, Bormolini 4º e Nadya Ochner 2a

Di GIANCARLO COSTA ,

La festa dell'Italia dello Snowboard dopo il Psl di Cortina (foto fisi)
La festa dell'Italia dello Snowboard dopo il Psl di Cortina (foto fisi)

Quando la FIS ha deciso di sostituire lo snowboardcross di Coppa del Mondo di Cortina con uno Slalom parallelo, PSL, si pensava ad un'occasione persa, visto la forza della squadra azzurra di SBX. Invece con l'altra specialità, il PSL, in cui vantiamo tradizione e campioni all'apice della carriera come Roland Fischnaller, si pensava comunque ad una vittoria, ma chi si aspettava una dominio cosi grande, quasi imbarazzante per il resto del mondo? Nelle prime 6 posizioni, 5 sono con la divisa azzurra della Nazionale del DT Cesare Pisoni, l'unico intruso è un certo Vic Wild, l'americano con passaporto russo bi-campione olimpico di Sochi, arrivato 5°. E la finale è stata tra un emozionante duello tra chi non aveva mai vinto in Coppa del Mondo, Christoph Mick miglior risultato un 2° posto, e chi è il leader e capitano dello snowboard azzurro, fresco di premiazione dal Presidente della Repubblica perchè Campione del Mondo, Roland Fischnaller. La finale s'è risolta a favore del primo, Christoph Mick, con Roland Fischnaller 2°, Mirko Felicetti 3°, Maurizio Bormolini 4°, Vic Wild 5° e Aaron March 6°.

A completare la festa azzurra ci ha pensato nella gara femminile Nadya Ochner che ha colto un bellissimo secondo posto che rappresenta il miglior piazzamento della carriera, superata solamente in finale dalla campionessa svizzera Patrizia Kummer, ma si è messa alle spalle il resto del mondo, a cominciare da Cheyenne Loch (Ger) 3a, Ester Ledecka (Cze) 4a, Ladina Jenny (Svi) 5a, Ina Meschik (Aut) 6a, Selina Joerg (Ger) 7a ed Ekaterina Tudegesheva (Rus) 8a.    

Le dichiarazioni dei protagonisti

Il direttore tecnico Cesare Pisoni: "E' un risultato storico che premia tutto il percorso iniziato tre anni fa e che sta continuando. I tecnici Meinhard Erlacher e Rudy Galli hanno fatto un lavoro incredibile, siamo stati bravi a creare una grande famiglia, i ragazzi sono tutti amici prima ancora che avversari. Anche il secondo posto di Ochner è signifitcativo, sono particolarmente contento per Mick che se lo merita particolarmente per una serie di motivi, è bello vedere i giovani che crescono al fianco ai nostri campioni più esperti".

Christoph Mick: "E' la vittoria che ho sempre sognato e non era mai arrivata, Oggi non pensavo di andare troppo forte perchè sono influenzato, invece run dopo run sono migliorato e non ho più pensato a nulla. Sono orgoglioso di ciò che ho compiuto, è stata una strana emozione strana affrontare i miri compagni di squadra, mi sembrava di disputare i campionati italiani....E' un trionfo di tutta la nostra squadra, noi ci crediamo sempre e ad ogni gara puntiamo a dare il massimo. Spero di rendermi conto al più presto di quello che è successo oggi".

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti