I Campioni del World Rookie Tour dominano agli X Games in Norvegia

Di GIANCARLO COSTA ,

Takeru Otsuka vincitore degli X Games 2018 (foto moon)
Takeru Otsuka vincitore degli X Games 2018 (foto moon)

Gli X Games rappresentano un’importante opportunità per tutti gli atleti che vogliono progredire nella loro carriera e ogni anno radunano gli snowboarder più forti del mondo, pronti a ottenere un posto sul podio. Ma sono stati Takeru Otsuka e la tredicenne Kokomo Murase dal Giappone a conquistare il podio dell’edizione 2018 degli X Games, lasciando il pubblico meravigliato e dimostrando ancora una volta l’incredibile livello degli atleti del World Rookie Tour.

"Da molto tempo siamo partner del World Rookie Tour e negli anni molti dei loro campioni si sono meritati un posto nel nostro evento. Quello che è successo quest’anno è storico, è come in una favola. Guardagnarsi un posto nelle qualifiche è già di per sè leggendario ma vincere sia le qualifiche sia l’oro è qualcosa di incredibile. E’ come se la Norvegia avesse vinto i mondiali di calcio... molto improbabile!" Henning Anderson, organizzatore degli X Games Norway.

Il World Rookie Tour non è solamente un contest, aiuta i rider a diventare snowboarder professionisti dando loro visibilità e l’opportunità di partecipare a una delle competizioni più famose del mondo. Come ha sottolineato Marco Sampaoli, il cofondatore del World Rookie Tour, “La vittoria agli X Games dei nostri Campioni è significativa per il nostro progetto, ossia offrire a ogni rookie la possibilità di realizzare il loro sogno. Se il tuo sogno è quello di diventare uno snowboarder professionista, allora il tuo futuro inzia dal rookie fest”.

Il vicepresidente degli X Games, Timothy Reed, ha aggiunto "Takeru Otsuka ha avuto la possibilità di essere invitato al nostro evento e di ottenere questo fantastico risultato grazie alla nostra collaborazione con il Rookie Tour. Nella sua prima esperienza agli X Games ha parlato del successo di questo format e delle opportunità che offre ai giovani snowboarder. E’ stato un weekend speciale per il World Rookie Tour... due campioni come Kokomo e Tareku sono stati in grado di dare una svolta alla loro carriera grazie all’oro qui ad Oslo".

Si è trattato di una vittoria storica. Due giovani atleti sono riusciti a superare il livello di riding internazionale alla loro prima apparizione e per la prima volta un’atleta di soli tredici anni ha dominato la scena. "Tutto quello che voglio dire è che sono stupito. Ringrazio il World Rookie Tour per avermi dato questa possibilità", Takeru Otsuka.

Questo evento è stato un traguardo importante per il World Rookie Tour che è nato con l’obiettivo di fornire un format di successo e di aiutare i giovani atleti. "E’ incredibile quello che è accaduto ad Oslo, il livello di riding dei nostri rider è veramente alto. Ero sicuro che avrebbero ottenuto un buon punteggio ma vederli vincere mi ha reso felice e fiero di ciò che è diventato il World Rookie Tour. “ Meinhard Trojer cofondatore del World Rookie Tour.

Segui il World Rookie Tour online:
web: www.worldrookietour.com
Facebook fan page: www.facebook.com/worldrookietour
Vimeo channel: www.vimeo.com/channels/worldrookietour
mail: info@blackyeti.info

Fonte Moon

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti