Grande Course: la premiazione dei migliori del 2015 lancia la stagione 2016

Di GIANCARLO COSTA ,

Premiazione Grande Course 2015 (foto Torri)
Premiazione Grande Course 2015 (foto Torri)

Prima di focalizzare l’attenzione su calendari e obiettivi, il popolo de La Grande Course ha però voluto riconoscere il giusto tributo ai migliori interpreti della terza edizione. Una terza edizione cominciata sulle nevi del Beaufortain e conclusasi con il Trofeo Mezzalama più duro di sempre. Una terza edizione vissuta nel segno di due binomi inarrivabili, fortissimi, invincibili. Sempre primi in ogni tappa, gli alpini Damiano Lenzi – Matteo Eydallin & le inossidabili Laetitia Roux – Mireia Mirò, hanno legittimato a suon di ori una leadership mai in discussione. Loro quindi sul gradino più alto del ranking finale e nell’albo d’oro del circuito più bello, quello che racchiude le classiche più prestigiose del vecchio continente. Classifica alla mano, degno di nota il terzo posto maschile centrato dall’emergente Michele Boscacci (Cs Esercito), il 4° del suo compagno di club e di gare Robert Antonioli e il quinto ex equo dei transalpini Xavier Gachet – William Bon Mardion.

Al femminile dietro le regine de La Grande Course Mireia Mirò – Laetitia Roux (prime ex equo) si è piazzata terza la fortissima Axelle Mollaret  insieme alla polivalente Emelie Forsberg. 5ª l’iberica Marta Riba.

Formula vincente non si cambia, al massimo si migliora.  Forte dei successi e dei positivi feedback conseguiti nelle prime tre edizioni, il circuito de La Grande Course è pronto a rilanciare, alzando nuovamente l’asticella e proponendo nel gotha delle grandi classiche la Open Altitoy Ternua. Proprio così, per il prossimo inverno oltre alle già annunciate Pierra Menta, Millet Tour du Rutor Extrême e Patrouille des Glaciers, è prevista anche una trasferta sui Pirenei Francesi.

Calendario alla mano, si comincerà a fine febbraio con la due giorni pirenaica. Una due giorni da correre ad alti livelli in un contesto che lascerà a bocca aperta concorrenti e spettatori. Subito dopo l’Altitoy, a metà marzo, sarà la volta del Tour de France dello Scialpinismo. 10.000 metri di dislivello positivo in 4 giorni e l’ormai mitico passaggio tra i 15.000 spettatori del Grand Mont che hanno reso  celebre la Pierra Menta. I primi di aprile vedranno il mondo dello skialp fare scalo in Valgrisenche. Creste aeree e discese mozzafiato saranno il fil rouge di un week end di Scialpinismo con la “S” maiuscola.  E dopo il Millet Tour du Rutor Extrême, gran finale con la cavalcata a fil di cielo in notturna svizzera: la mitica Patrouille des Glaciers.  

Fonte Maurizio Torri – sportdimontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti