Gran Fondo Val Casies (BZ): oggi le gara in alternato con le vittorie di Franz Göring e Adela Boudikova, domani le gare in pattinato

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Gran Fondo Val Casies (foto Newspower)
Partenza Gran Fondo Val Casies (foto Newspower)

Franz Göring e Adela Boudikova firmano la 31.a edizione della Granfondo Val Casies – Gsiesertal Lauf (BZ) che nella prima giornata di oggi, tutta da incorniciare, ha mandato in pista la tecnica classica con le consuete due varianti di 42 km e 30 km. E se il tedesco e la ceca sono stati i migliori sul tracciato più esteso, i due germanici Andy Gerstenberger e Alexandra Svoboda si sono messi in tasca la variante più breve.

Un sole tiepido e il “giusto” freddo – come hanno commentato in molti al termine della gara – hanno accolto stamane i quasi mille fondisti alla partenza e per i primi chilometri, in uscita da San Martino in Casies verso la frazione di Colle, è regnato l’equilibrio con un primo gruppo di una quindicina di atleti, tutti i più forti, a fare l’andatura. Tra questi, i cechi Rezac e Rocarek, i tedeschi Göring, Freimuth e Gerstenberger e gli italiani Debertolis, Morandini, Cerutti, Bonaldi, Brigadoi e Paredi. Al giro di boa, intorno al 16° km, la situazione al maschile rimaneva immutata, con solo qualche atleta che mollava la presa, come il trentino Nicola Morandini causa mal di schiena, mentre al femminile la ceca Boudikova insisteva nel suo monologo iniziato poco dopo lo start. Il distacco della bionda fondista di Nove Mesto na Morave era a quel punto di alcuni minuti sulle inseguitrici.

Al 20° km circa arrivava il clou di giornata, lo strappo da parte di un quartetto composto da Rezac, Debertolis, Rocarek e Göring, cui riusciva a stare sulle code anche l’altro tedesco Gerstenberger, e la fuga verso il podio aveva ufficialmente inizio. Rezac imponeva un ritmo alto, che riuscivano a tenere tutti fino al rientro a San Martino, prima di risalire a Santa Maddalena. A quel punto Gerstenberger, già secondo due anni fa nella 42 km in classico, optava per concludere la sua giornata sul primo gradino stavolta della 30 km, davanti ai trentini Riccardo Mich e Ivan Debertolis ad una manciata di secondi di ritardo dal teutonico. La salita di Santa Maddalena è da sempre punto cruciale della GF Val Casies e Rezac è sembrato in grado di gestire con comodo la testa di gara oggi, scollinando in cima con 6” di distacco sul duo Debertolis-Göring. Da quel punto in avanti, però, Franz Göring metteva il turbo ai suoi sci stretti e in discesa si liberava della compagnia di Debertolis prima e del gigante ceco poi. Risultato: vittoria finale per il tedesco davanti a Rezac, Debertolis, Rocarek e Paredi. Tra le donne, mentre la gara “corta” veniva sigillata dalla giovane tedesca Alexandra Svoboda davanti a Maja Zimmermann (CAN) e alla lombarda Chiara Caminada, la ceca Boudikova vantava oltre 10’ sulle inseguitrici e al traguardo si presentava per prima, con la connazionale Martina Stursova e la tedesca Renate Forstner che alla fine facevano segnare oltre 11 e 12 minuti di ritardo.

In gara oggi in Val Casies c’era anche il fondista paralimpico azzurro Enzo Masiello in forza al GS Fiamme Oro di Moena, che tra alcuni giorni vedremo in pista a Sochi per le Paralimpiadi 2014.

Domani la Granfondo Val Casies – Gsiesertal Lauf prosegue in tecnica libera con le due varianti di 42 e 30 km. Attesi al via (ore 10,00) sono l’austriaco Johannes Dürr e tanti rappresentanti dei gruppi sportivi militari italiani, visto che l’evento assegna punti di Coppa Italia.

Stasera dalle 19.30 su RAI Sport 1 un’ampia sintesi della giornata odierna, giornata che ha soddisfatto gli organizzatori capeggiati da Walter Felderer. Con gli ultimi iscritti domattina alla gara in tecnica libera c’è il sentore di centrare il record di partecipanti dal 1984 ad oggi, 31 edizioni di successo.

Info: www.valcasies.com

Classifiche 42 km TC

maschile

1. Göring Franz GER 1:52.05,1; 2. Rezak Stanislav CZE 1:52.15,1; 3. Debertolis Bruno ITA 1:52.19,3; 4. Rocarek Jiri CZE 1:53.01,6; 5. Paredi Simone ITA 1:55.25,5; 6. Bosin Simone ITA 1:55.55,6; 7. Ondrasek Pavel CZE 1:56.17,2; 8. Carrara Bruno ITA 1:58.28,7; 9. Brigadoi Mauro ITA 1:58.32,6; 10. Thomas Eric GER 1:58.50,0;

femminile

1. Boudikova Adela CZE 2:19.05,2; 2. Stursova Martina CZE 2:30.35,5; 3. Forstner Renate GER 2:31.09,5; 4. Tarter Roberta ITA 2:31.50,1; 5. Messenger Karen CAN 2:41.40,4; 6. Jorstad Aud NOR 2:45.15,6

Classifiche 30 km TC

maschile

1. Gerstenberger Andy GER 1:20.47,6; 2. Mich Riccardo ITA 1:21.01,4; 3. Debertolis Ivan ITA 1:21.02,4; 4. Freimuth Thomas GER 1:21.08,0; 5. Kargruber Reinhard ITA 1:21.08,6; 6. Bonaldi Sergio ITA 1:22.24,5; 7. Cerutti Lorenzo ITA 1:22.57,5; 8. Seifert Benjamin GER 1:23.42,9; 9. Escher Toni GER 1:24.35,3; 10. Bormolini Nicolas ITA 1:25.07,7; 10. Bormolini Thomas ITA 1:25.07,7

femminile

1. Svoboda Alexandra GER 1:41.55,7; 2. Zimmermann Maja CAN 1:44.57,2; 3. Caminada Chiara ITA 1:46.09,6; 4. Felderer Barbara ITA 1:46.24,9; 5. Bichugova Eugenia RUS 1:49.18,5; 6. Mooser Natacha SUI 1:50.24,1; 7. Tröger Nicole GER 1:51.20,4; 8. Escher Silke GER 1:52.55,7; 9. Campo Emilia ITA 1:55.15,5; 10. Lofthus Inger Anne NOR 1:55.21,1

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti