Gran Fondo Val Casies (BZ) 42km skating: Roland Clara mette in fila Moriggl, Antonella Confortola batte Valbusa, oltre 2000 i partecipanti

Di GIANCARLO COSTA ,

Arrivo Sprint_42km.jpg (foto Newspower)
Arrivo Sprint_42km.jpg (foto Newspower)

Roland Clara e Antonella Confortola sono i nuovi sovrani della Granfondo Val Casies – Gsiesertal Lauf, ai quali si sono inchinati fior di campioni. Clara ha corso una gara senza macchia e sulla salita prima del traguardo è riuscito a staccare con decisione il gruppo di cui facevano parte anche Thomas Moriggl e Fabio Santus, rispettivamente secondo e terzo in volata finale. “Sapevo perfettamente di avere degli avversari straordinari oggi”, ha commentato l’azzurro al termine, “gente decisamente più abituata di me alle distanze lunghe.” E il riferimento ovvio in questo senso era per il trio di olimpionici di Torino 2006, Cristian Zorzi, Pietro Piller Cottrer e Giorgio Di Centa, a cui si aggiungevano anche i nazionali lunghe distanze Fabio Santus, Simone Paredi o Sergio Bonaldi.

Il lungo serpentone di fondisti è scattato puntuale questa mattina dalla piana di San Martino in Casies, in una giornata bigia, e in cabina di comando si sono posti una trentina di atleti tra cui i fondisti già menzionati e le varie Confortola, Valbusa, Piller, Vitkova e Bettega, tutte abili a seguire il ritmo dei colleghi maschi. Come lo scorso anno, la partita sembrava doversi giocare tra i due compagni di maglia (GS Fiamme Gialle) e di nazionale Roland Clara e Thomas Moriggl, i quali facevano valere le proprie doti di scattisti nei due traguardi volanti, battuti però da Fabio Santus, dove altri invece – come Cristian Zorzi - erano meno fortunati, spaccavano un bastoncino, perdevano qualche secondo e soprattutto spezzavano il ritmo, tenuto sempre e comunque elevato.

All’imbocco della salita di Santa Maddalena (a circa tre quarti dei 42 km complessivi), Clara ha chiamato a raccolta tutte le energie e ha impennato il ritmo di pattinata. “Con il passare dei metri vedevo il distacco crescere sempre più”, ha commentato con soddisfazione il vincitore al traguardo, “solo Pietro mi stava dietro, ho rallentato un po’ per aspettarlo, ma quando ho visto che faticava ho pensato a vincere e sono scappato. Se avessi atteso ancora, sarebbero tornati sotto tutti quanti.” E così Clara è andato a prendersi il suo primo successo alla GF Val Casies, davanti a quel Thomas Moriggl che nel 2011 lo aveva bruciato sullo sprint conclusivo. “Quando è partito in salita”, ha detto Moriggl, vincitore della gara in tecnica classica di ieri, “noi avevamo tutti le gambe già dure e non c’è più stata storia. Rollo ha vinto meritatamente”.

Al sorriso soddisfatto di Clara si è affiancato in fondo quello altrettanto felice della trentina Confortola che oggi ha bissato il successo del 2011, mettendo in riga la compagna di nazionale marathon Sabina Valbusa e l’altra trentina Clara Bettega. Sorrisi, ma anche qualche leggera smorfia di dolore sul viso della portacolori del Gruppo Forestale, che all’arrivo faticava anche a togliere le scarpe. “Sono quelle del mio allenatore, tre numeri più grandi, erano le uniche che riuscivo a tollerare”. Antonella Confortola era in gara oggi dopo essersi congelata le punte dei piedi due settimane fa a Garmisch, e comunque è stata sempre davanti e sul traguardo di San Martino è giunta con 2’32” di vantaggio su Sabina Valbusa e oltre 7’ sulla Bettega.

La Valbusa oggi ha corso la GF Val Casies per la prima volta e per le due azzurre, come per gli olimpionici di Torino 2006, questo week end è stato anche di grandi ricordi di quelle medaglie conquistate a Pragelato, esattamente sei anni fa. “Quando ho visto che proprio il 19 febbraio del 2006 mio fratello e gli altri ragazzi vincevano l’oro, e noi avevamo vinto il bronzo il giorno prima, mi sono un po’ emozionata al ricordo di quelle giornate meravigliose”, ha commentato “Buba”, come la chiamano i compagni, e ha aggiunto, “peccato che oggi Fulvio non sia stato qui per rivivere tutti insieme quei momenti.”

E sul palco Zorzi, Piller Cottrer e Di Centa, con l’oro in mano esattamente come 6 anni fa quando si correva la 23.a edizione della GF Val Casies, sono stati festeggiati. Al posto di Valbusa, impossibilitato ad essere in Val Casies, ha posato per le foto di rito la mascotte di Casies che ora …si chiama Bubu!

La ceca Veronika Vitkova, protagonista a livello mondiale con la maglia della sua nazionale di biathlon, ha vinto invece la gara di 30 km, davanti all’azzurra Marina Piller ed alla slovena Mirjam Cossettini. E pensare che per la Vitkova quella di oggi è stata la prima performance in assoluto senza carabina, ed ha fatto “centro” comunque. La prova “corta” maschile è stata vinta dal giovane portacolori del CS Esercito Enrico Nizzi, davanti a Sergio Bonaldi (primo ieri nella prova di 42 km in classico) e Roberto De Zolt.

La conta finale dei partecipanti alla GF Val Casies 2012 parla di oltre 2.000 atleti nelle due giornate di gara, con più di 100 presenze alla “Just For Fun” dove non c’è stata classifica, ma dove il divertimento non è mancato per nulla. Per la prima volta, la GF Val Casies di quest’anno ha premiato anche una classifica di combinata sulle due giornate di tecnica classica e skating. I vincitori sono stati Reinhard Kargruber e Barbara Felderer per la 30 km ed Alfio Di Gregorio e Renate Forstner per la 42 km.

Il prossimo anno la GF Val Casies celebra la 30.a edizione e l’invito è esteso fin da ora a tutti.

Info: www.valcasies.com

Classifiche:

42 Km TL maschile

1) Clara Roland 1.36.24.36; 2) Moriggl Thomas 1.37.02.74; 3) Santus Fabio 1.37.03.15; 4) Dürr Johannes 1.37.03.18; 5) Piller Cottrer Pietro 1.37.03.21; 6) Paredi Simone 1.37.33.75; 7) Zorzi Cristian 1.37.34.05; 8) Yeuilla Daniel 1.37.34.09; 9) Fanton Paolo 1.37.40.29; 10) Romani Riccardo 1.37.53.24

42 Km TL femminile

1) Confortola Antonella 1.47.48.11; 2) Valbusa Sabina 1.50.20.86; 3) Bettega Clara 1.55.18.10; 4) De Martin Pinter Veronica 1.57.31.72; 5) Caminada Chiara 1.59.49.24; 6) Forstner Renate 2.03.39.25; 7) Pagliero Nicoletta 2.05.29.81; 8) Carbogno Simonetta 2.07.16.75; 9) Zago Lysanne 2.07.29.00; 10) Rizzieri Claudia 2.07.57,84

30 Km TL maschile

1) Nizzi Enrico 1.07.54.13; 2) Bonaldi Sergio 1.07.56.21; 3) De Zolt Ponte Roberto 1.07.56.34; 4) Quinz Mattia 1.07.56.91; 5) Kling Peter Madsen 1.08.13.50; 6) Kargruber Reinhard 1.08.13.51; 7) Tanel Matteo 1.08.17.46; 8) Martinelli Alan 1.08.35.09; 9) Noeckler Andreas 1.09.31.00; 10) Noeckler Ivo 1.09.31.59

30 Km TL femminile

1) Vitkova Veronika 1.12.53.09; 2) Piller Marina 1.12.53.97; 3) Cossettini Mirjam 1.13.14.85; 4) Perathoner Christa 1.20.24.96; 5) Colnaghi Laura 1.26.12.62; 6) Strickner Wurzer Irmgard 1.26.52.18; 7) Perini Barbara 1.27.15.84; 8) Felderer Barbara 1.27.37.82; 9) Hofmann Brigitte 1.31.41.96; 10) Mair Sonja 1.32.39.57

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti