A Garessio (CN) Fabio Cavallo e Debora Cardone vincono il Trofeo Alta Val Tanaro. Nella Tecnica Libera successi per Erik Pettavino e Alessia Fenoglio

Di GIANCARLO COSTA ,

La fantastica seconda discesa del Trofeo Alta Val Tanaro di Garessio (foto Sara Marenco)
La fantastica seconda discesa del Trofeo Alta Val Tanaro di Garessio (foto Sara Marenco)

Garessio regala sempre giornate spettacolari a chi ama andare in montagna usando gli sci con le pelli di simil-foca, usando le proprie gambe per salire e un pizzico di sana incoscienza per scendere.

Siamo a due passi dal mare, è il giorno di Pasquetta, ma all'alba e durante tutta la mattinata di gara, sembra di essere in pieno inverno, per temperature, vento fastidioso e neve che ha ricoperto questo spicchio di Alpi Marittime con spettacolari scorci da cartolina. Mai come questa volta volta gli assenti hanno avuto torto nel non godersi questa gara di scialpinismo ruspante, ben organizzata dal gruppo di amici dello Sci Club Garessio, che hanno tenuto duro, rinviando il 15 marzo per maltempo e ritracciando nella serata di Pasqua il percorso, dopo una nevicata che ha costretto all'ultimo momento a rinunciare alla salita dell'Antoroto, la montagna simbolo di Garessio, meta anche di discese di sci ripido di qualità. Ma neve e vento fanno parte dello scialpinismo, e oggi hanno regalato delle discese spettacolari, neve fresca quasi fosse una giornata di freeride tra amici più che una gara tirata qual'è stata quella odierna. Quattro salite e quattro discese per la Tecnica Classica, con una bella salita a piedi sul Monte Grosso ripetuta due volte per un totale di 1850 metri di dislivello in su e in giù, mentre la Tecnica Libera (con sci larghi, sci da fondo, snowboard/scietti) di salite e discese ne ha fatte 3 per un totale di 1400 metri. Nella prima salita, in pista, fino al monte Mussiglione, si sono delineate le posizioni, poi la discesa in Valdinferno, la salita al Monte Grosso, la discesa a Pietra Bruna e la risalita al Mussiglione non hanno sostanzialmente variato le posizioni in classifica.

A vincere la gara maschile in Tecnica Classica lo scialpinista piemontese più forma di quest'annata, togliendo i Nazionali Eydallin, Lenzi e Barazzuol. Si tratta di Fabio Cavallo dello Sci Club Tre Rifugi, che ha dominato la gara vincendola in 1h49'53”, seguito sul podio da Maurizio Enrici 2° in 1h54'04” e Alberto Fazio 3° in 1h54'32”. Completano la top ten l'ottimo Corrado Vigitello 4° in 2h00'05”, Gianluca Iavelli 5° in 2h02'58”, Davide Boglio 6° in 2h04'02”, Rudi giordano 7° in 2h06'25”, Roberto Rolfo 8° in 2h06'58”, Giuseppe Ouvrier 9° e 1° Master in 2h07'10” e Nicola Cavallo 10° in 2h09'44”.

Nella gara femminile vittoria di Debora Cardone dello Sci Club Valli di Lanzo, che preso un po' di vantaggio sulla prima salita e successiva discesa, ha poi tirato dritto andando a vincere in progressione in 2h16'08” su Elena Tornatore seconda in 2h25'56”, terza Maria Orlando in 2h48'07 e quarta Lara Mustat in 3h05'50”.

Nella Tecnica Libera c'è stato un bel mix di tecniche e di età con la vittoria dello Junior Erik Pettavino, promessa piemontese e nazionale dello scialpinismo in forza all'equipe Limone in 1h30'39”, seguito da Dario Farina in sci di fondo 2° in 1h44'50”, 3° Luca Curti in 1h44'51”, 4° Giancarlo Costa in snowboard in 1h49'50” e 5° Daniele Canova in 2h02'56”. Al femminile vittoria della Junior Alessia Fenoglio in 2h38'19”.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Fabio Cavallo: “Sono contento di questa vittoria e di questa stagione di gare scialpinistiche. Anche oggi sono andato in progressione su questo bel percorso con la neve che agevolava le discese. Se farò il Mezzalama? Penso di no, non ho una squadra e magari inizio con le corse in montagna e le skyrace sperando di sfruttare questo stato di forma.”

Debora Cardone: “Bella gara, bella neve, tecnica il giusto e di una lunghezza umana. Sono andata in progressione dopo la prima salita e ho vinto precedendo la mia compagna delle prossime gare Adamello e Mezzalama, Elena Tornatore.”

Fulvio Fazio, quest'anno solo organizzatore: “Abbiamo tenuto duro e anche quest'anno siamo riusciti a organizzare questa gara, dopo il rinvio del 15 marzo e la nevicata di ieri. Speravamo in un numero maggiore di concorrenti, ma le festività ci hanno un po' penalizzato. Peccato perchè sia il percorso che la qualità della neve erano ottime e penso che chi ha partecipato sia stato contento della gara, del pranzo e della premiazione. Comunque appuntamento all'anno prossimo.”

In allegato qualche foto e le classifiche. A breve un'ampia fotogallery dell'evento.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti