Francesco De Fabiani 12° nel minitour di Lillehammer, vinto da Toenseth e Johaug

Di GIANCARLO COSTA ,

Pursuit di Lillehammer (foto fis)
Pursuit di Lillehammer (foto fis)

Va a Didrik Toenseth il derby con Sjur Roethe nell'inseguimento a tecnica classica che ha deciso il minitour di Lillehammer. Il ventisettenne di Trondheim, partito con un 1" di ritardo rispetto al compagno di squadra, ha viaggiato gomito a gomito lungo i 15 km in programma, e sul traguardo ha operato l'allungo decisivo che gli è valso il primo posto complessivo al termine delle tre tappe in programma. Dietro a loro si è giocata una gara tattica fra il resto del gruppo, con oltre venti atleti nello spazio di pochi secondi. Fra questi c'era anche Francesco De Fabiani, risalito alla fine dalla ventottesima alla dodicesima posizione, a 1'06" dal vincitore. Il valdostano ha confermato di gradire l'alternato, concludendo la sua prestazione in crescendo, mentre al terzo posto si è piazzato Emil Iversen a danno di Calel Halfvarsson. Fuori dai punti sono invece rimasti Federico Pellegrino (44° ma con il quindicesimo tempo di giornata), Giandomenico Salvadori (48°) e Dietmar Noeckler (64°), mentre Maicol Rastelli si è ritirato lungo il percorso. Il miglior tempo di giornata è stato realizzato dal tedesco Janosch Brugger su Jean Marc Gaillard ed Erik Bjornsen. La classifica generale vede Emil Svendsen in vetta con 328 punti davanti ad Alexander Bolshunov in vetta con 321 punti, terzo Didrik Toenseth con 282, Pellegrino è 15sim° con 96 punti. La prossima tappa di coppa è prevista a Beitostoelen sabato 8 dicembre con 15 km femminile e 30 km maschile in tecnica libera e domenica 9 dicembre con le staffette.

Gara femminile

Therese Johaug si aggiudica il mini-tour di Lillehammer vincendo anche la prova di inseguimento e balza in testa alla classifica generale di Coppa del mondo del fondo femminile con 400 punti, 91 più della giovane svedese Ebba Andersson, seconda anche oggi al traguardo, ma terza nel pursuit. La campionessa norvegese, al rientro da un anno di squalifica per doping, si conferma la numero uno delle prove distance, anche se ha rischiato qualcosina nel finale, quando la connazionale Oestberg ha recuperato gran parte del ritardo accumulato nei primi due intermedi e ha chiuso i 10 km con un tempo di appena sei decimi inferiore. Non c'erano atlete italiane in gara.

Fonte fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti