Falun: Pellegrino 4° nella sprint, De Fabiani 18° nella 15km

Di GIANCARLO COSTA ,

Federico Pellegrino quarto nella Sprint di Falun (foto fiscrosscountry)
Federico Pellegrino quarto nella Sprint di Falun (foto fiscrosscountry)

A Falun in Svezia si sono disputate una Sprint sabato e una Distance domenica, di 15 km per gli uomini e di 10 km per le donne, tutte gare in tecnica libera o passo pattinato.

Sprint

Federico Pellegrino chiude quarto la sprint in tecnica libera di Falun, pur sembrando più in forma degli avversari,prima con il secondo tempo in qualificazione, poi con il secondo posto dietro Klaebo ai quarti e infine vincendo la propria semifinale, dove proprio Klaebo, chiudendo terzo, avevo avuto bisogno del ripescaggio per superare il turno.

La finale, come accade sempre in questo format, è stata una gara completamente diversa, con gli atleti, che come ai Mondiali, si sono praticamente fermati come nel ciclismo su pista e ci è voluto lo scatto dell'atleta meno quotato, Martin Bergstroem, per riaccendere la sfida. A quel punto Pellegrino ha risposto subito, ma nei metri successivi, sono stati Skar e Iversen a prendere il comando, con lo stesso Klaebo apparentemente chiuso e autore di un vero e proprio miracolo nel riuscire a sorpassare tutti, connazionali compresi, andando a vincere la gara e contemporaneamente la terza Coppa del mondo sprint consecutiva, impresa mai riuscita a nessuno. Pellegrino, anche lui chiuso, non è riuscito a trovare il guizzo per passare e si è arreso ai tre norvegesi.
La giornata, in ogni caso, è stata complessivamente positiva per l'Italia, con Francesco De Fabiani bravo sia a qualificarsi, sia a centrare la semifinale, dove ha dato tutto finendo però alle spalle di Iversen e Brandsdal e chiudendo con il settimo posto utile a trovare altri punti importanti per riuscire a restare nella top ten della classifica generale. Punti arrivano anche per Stefan Zelger, fuori ai quarti con il sesto posto nella batteria di Pellegrino e 29esimo nell'ordine d'arrivo.

Nella gara femminile la migliore delle azzurre è stata Greta Laurent, che ha superato la prova cronometrata con l'undicesimo tempo e poi ha chiuso 27esima dopo la caduta ai quarti. Fuori nelle qualificazioni Elisa Brocard, 38esima, e Lucia Scardoni, 55esima, mentre la gara è stata vinta da Stina Nilsson, con Maiken Caspersen Falla e Maja Dahlqvist a completare il podio. Quinta Ingvild Flugstad Oestberg che guadagna punti importantissimi su Natalia Nepryaeva in classifica generale portandosi a +47.

Distance 15km maschile e 10km femminile

Alexander Bolshunov e Therese Johaug si confermano re e regina delle distance e a Falun ottengono due splendidi successi rispettivamente nella 15 km e nella 10 km in tecnica libera. Nella gara maschile il russo ha preceduto tre norvegesi, con Martin Sundby e Didrik Toenseth sul podio con distacchi rispettivi di 8 e 17 secondi, mentre appena fuori dai primi tre si è classificato Sjur Roethe. Johannes Klaebo si è difeso come ha potuto ed è arrivato 19°, comunque limitando i danni e restando in testa con 102 punti di vantaggio su Bolshunov a tre gare dal termine (ma una sola sprint a disposizione). Francesco De Fabiani, il migliore degli azzurri, si è classificato un gradino prima di Klaebo, 18° a 1'19"1 dopo aver tenuto il passo dei big per oltre metà gara e cedendo un po' nel finale. Fuori dalla zona punti Federico Pellegrino, 38° a 2'09"9, e Stefan Zelger, 41° a 2'12"7.

Nella gara femminile solito dominio di Therese Johaug, che ha vinto tutte le distance a cui ha partecipato: a Falun ha chiuso la sua gara in 25'23", con 18" sulla svedese Ebba Andersson e 30" sulla statunitense Jessica Diggins. Ottimo quarto posto per Ingvild Flugstad Oestberg in ottica classifica generale; con altri 50 punti va a +97 su Natalia Nepryaeva a tre gare dalla fine. La migliore delle italiane è stata Elisa Brocard, 28esima 2'01", mentre Lucia Scardoni è arrivata 50esima a oltre tre minuti.

L'appuntamento finale di Coppa del mondo è in Quebec, in Canada, dal 22 al 24 marzo, con sprint, mass start e inseguimento.

Fonte fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti