Emergenza neve e valanga di polemiche

Di GIANCARLO COSTA ,

La-valanga-di-Gaby, che ha provocato la chiusura della statale per Gressoney, riaperta oggi
La-valanga-di-Gaby, che ha provocato la chiusura della statale per Gressoney, riaperta oggi

La storica nevicata di questi giorni, che ha colpito le vallate di Piemonte e Val d’Aosta, ha messo a dura prova tutto il nostro sistema. Forse nevicate di questo tipo erano solo ricordi dei nonni davanti al caminetto, sta di fatto che la neve è scesa in quantità che va dal metro ai tre metri. Strade bloccate da valanghe o pericolo di caduta delle stesse, qualche casa distrutta, fortunatamente nessuna vittima ma molti disagi. Niente energia elettrica in diverse vallate piemontesi, medici e viveri portati in elicottero in vallate valdostane, l’elenco potrebbe andare avanti per tutta la pagina. Forse è vero che non siamo più abituati alla neve, ma questo è stato un evento eccezionale. Ed ecco il cortocircuito del nostro sistema. Tanta neve come mai si era vista, la gente che vorrebbe andare a sciare, e da Bertolaso, il responsabile nazionale della Protezione Civile, arriva l’ordine di tenere chiusi gl’impianti, per i pericoli oggettivi, magari per evitare che i soliti indisciplinati verso i divieti di fuoripista, ci vadano, con qualche distacco, soccorsi ecc. Insorgono i sindaci dei comuni della Via Lattea, che il prossimo weekend rischiano di vedersi passare le macchine cariche di sciatori verso Monginevro, stesso comprensorio, ma gestito dai francesi e naturalmente aperto. A rischio l’economia delle valli, e non hanno tutti i torti. In fondo penso che tra responsabili del soccorso, degli impianti, di polizia e carabinieri e sindaci, qualcosa ci capiscano sui loro territori. E che dire di quelli che in tale casino pensano ad andare a sciare? D'altronde è stato venduto loro a fior di euro, un sacco di attrezzatura e abbigliamento da neve fresca, da freeride, da scialpinismo, nevica come mai s’era visto e poi c’è il sole e vorremmo che stessero a casa, magari in un bel centro commerciale? Prevenire è meglio che curare, certo. Ma allora perché Bertolaso non pensa di chiudere le autostrade durante i ponti delle vacanze, visto che mediamente muoiono 20 persone al giorno per incidenti automobilistici?

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti