Dynafit goes Summer - The Race: a Marc Pinsach la salita sul Dachstein

Di GIANCARLO COSTA ,

DYNAFIT_goes_SUMMER 2012.jpg (foto marek kovalsk.com)
DYNAFIT_goes_SUMMER 2012.jpg (foto marek kovalsk.com)

27 chilometri, 2800 metri di sviluppo altimetrico, tre discipline e un gruppo di 23 atleti fortemente motivati. Questa è la "DYNAFIT goes SUMMER - The Race" dove gli atleti DYNAFIT si sono sfidati in una triplice gara di mountain bike, corsa a piedi e sci alpinismo, raggiungendo la vetta del Dachstein a 2.995 metri di quota. Dopo la vittoria di un anno fa, lo spagnolo Marc Pinsach ha riconquistato il successo, tagliando il traguardo con un vantaggio di cinque minuti sul connazionale Javier Martin de Villa.

La seconda edizione di "DYNAFIT goes SUMMER - The Race" andata in scena lo scorso weekend in Austria non poteva svolgersi in condizioni migliori. Mentre il sole scaldava l'atmosfera nel parterre poco prima del via, i 23 atleti DYNAFIT si schieravano sul nastro di partenza a "Planet Planai" (750 m) pronti ad affrontare una prova atletica tra le più entusiasmanti.

Il gruppo internazionale di atleti DYNAFIT si è lanciato subito in un'avvincente testa a testa fino alla stazione a monte della ferrovia, a quota 2.687 metri: il gruppo dei primi era composto dallo spagnolo Marc Pinsach, vincitore della scorsa edizione, il suo connazionale Javier Martin de Villa e dagli austriaci Markus Stock e Andreas Trockner.

Gli atleti sono partiti in mountain bike e, arrivati alla stazione a valle del Dachstein, hanno abbandonato la bici per indossare le scarpe da running. Una corsa mozzafiato per percorrere a piedi 400 metri di dislivello prima di arrivare a Edelgrieß e attaccare gli sci. Il primo a tagliare il traguardo è stato il ventitreenne Marc Pinsach del DYNAFIT International Race Team, con un tempo di 2:30:36, e dopo pochi minuti sono arrivati Javier Martin de Villa, Markus Stock, Andreas Trockner e Rene Fischer. La prima atleta a raggiungere il traguardo è stata la scialpinista austriaca, Andrea Höller.

Non solo sfida sportiva e passione comune per lo sport alpino, ma soprattutto divertimento e allegria incarnano lo spirito della gara. Anche quest’anno gli atleti hanno apprezzato l’atmosfera e la perfetta organizzazione di questa competizione che unisce tre diverse discipline in un innovativo triathlon alpino composto da mountain bike, corsa a piedi e sci alpinismo.

La cerimonia di premiazione si è svolta all’hotel Türlwandhütte a Ramsau, seguita da una festa con barbecue e musica dal vivo. Come l’anno scorso è stato assegnato il premio “Man of the Day“, che quest’anno è andato a Michael Kurz, protagonista di una storia davvero straordinaria: diventato paraplegico a seguito di una grave caduta dalla “Pierra Menta“ è tornato a camminare, correre e vincere con le sue forze.

Fonte Ufficio Stampa Dynafit

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti