Domenica al via della 39ª edizione del Periplo del Monte Rosso, tappa finale del Crazy Skialp Tour

Di GIANCARLO COSTA ,

Filippo Barazzuol vincitore del Periplo Monte Rosso 2014, sullo sfondo la basilica di Oropa
Filippo Barazzuol vincitore del Periplo Monte Rosso 2014, sullo sfondo la basilica di Oropa

Il comitato organizzatore della storica gara scialpinistica biellese è pronto a svelare i particolari più salienti che caratterizzeranno l'evento.

Il tracciato è stato individuato dallo staff tecnico di percorso con l'intenzione di essere all’altezza degli atleti partecipanti al Crazy SkiAlp Tour: ecco perchè sarà un percorso sia tecnico sia spettacolare, capace di far conoscere agli atleti alcune zone selvagge e incontaminate della conca di Oropa, andando a coprire ben il 90% di esso fuori pista. 1900 saranno i metri di dislivello positivo con 6 o 7 cambi di assetto, di cui uno di fronte al pubblico nella zona di partenza, uno da affrontare con i ramponi (canale del Limbo), e una cresta da affrontare in assetto di sicurezza. Per quanto riguarda le discese, la parte più spettacolare delle gare di scialpinismo, sarà necessario affrontare il primo pendio di 500 metri verso il giro di boa, una seconda discesa impervia lungo il ripido canale Deirus e una terza ed ultima completamente fuori pista fino all’arrivo, di ben 900 metri di dislivello.

I giovani avranno un percorso a loro dedicato con partenza e arrivo identici a quelli della categoria Senior. La gara prenderà vita anche per loro dal piazzale delle funivie accanto al Santuario e avrà un dislivello complessivo di circa 1000 metri con 3 cambi di assetto e una parte da affrontare a piedi: due discese, di cui una di 800 metri completamente fuori pista li porterà al traguardo dando così la possibilità di essere visti dal pubblico in attesa nella zona d'arrivo.

Il pubblico avrà la possibilità di seguire gli atleti in diversi punti del percorso: parterre, rifugio Savoia e capanna Renata, tuttavia tutti coloro che avranno voglia di salire nei punti più alti dell'itinerario potranno godere di alcune sorprese messe a disposizione dai generosi sponsor dell'evento.

Le condizioni del tracciato individuato sono per ora ottime e si prevede lo possano essere anche il giorno dello start! Si sottolinea però che saranno comunque le condizioni meteorologiche e della neve, valutate da una guida alpina e da un responsabile del servizio nivologico, a confermare questi percorsi ad oggi affrontabili in piena tranquillità. In ogni caso sono già stati delineati alcuni percorsi alternativi in nome della sicurezza. L'A.S.D. la Büfarôla, società organizzatrice del Periplo, punta sui giovani e dopo il successo del secondo corso di scialpinismo under 18, promuove quest'anno anche il Periplo Cadetti e Juniores, con un tracciato studiato ad hoc.. Tra i partecipanti già confermata la presenza di Laura Besseghini, tra le più forti scialpiniste italiane, vincitrice al femminile del Periplo 2014  già in testa alla classifica del Crazy SkiAlp Tour. Generose le sue parole sul Periplo: «Oropa è un posto magico e selvaggio. Passare dalla pianura con pochi chilometri di curve alle montagne così impervie è stata per me una rivelazione. Il Periplo del Monte Rosso l’anno scorso non si è svolto lungo il percorso originale, ma l’organizzazione ha saputo ugualmente tracciare una gara impegnativa e divertente. Vale la pena sopportare la fatica della salita per poter poi spaziare con lo sguardo dalla cima verso la pianura che sembra così a portata di mano. Spero nell’arrivo di un po’ di neve quest’anno e conto di esserci!».

Si ricorda quindi che le iscrizioni sono aperte e per aderire è possibile farlo direttamente sul sito de La Büfarôla, nella sezione "Iscrizioni": http://www.bufarola.it/iscrizioni/

Le ultime news sulla Pagina F.B La Bufarola

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti