Domenica si correrà la Pitturina Ski Race sul tracciato originale, questa sera la Vertical Race sino al rifugio Monte Zovo

Di GIANCARLO COSTA ,

Kilian vittorioso al traguardo della Pitturina 2014 (foto Selvatico)
Kilian vittorioso al traguardo della Pitturina 2014 (foto Selvatico)

In questi ultimi giorni il lavoro di tracciatura e di messa in sicurezza del tracciato della Pitturina Ski Race, prova d’apertura della Coppa della Dolomiti, non ha avuto sosta. Dopo lo spostamento della data a causa della mancanza di neve, Michele Festini e il suo staff possono tirare un sospiro di sollievo perché le condizioni nel manto nevoso sono ottimali. «Abbiamo lavorato molto in questi giorni - racconta Michele Festini presidente della Spiquy Team - il tracciato che affronteranno gli atleti domenica mattina è quasi interamente segnalato e sicuro. Dopo la disperazione per lo spostamento della data, ora siamo sicuri che la scelta di posticipare la partenza della settima edizione al primo marzo è stata vincente».

Il tracciato della Pitturina segue il percorso proposto nella prima edizione con il passaggio a Cima Vallona e a Forcella Cavallino. I metri di dislivello complessivo di sola salita saranno di circa 2000 metri diluiti in tre salite con un tratto tecnico a Cima Vallona da affrontare con gli sci nello zaino. I concorrenti partiranno a piedi con gli sci nello zaino dalla chiesetta dei Caduti Cima Vallona per dare un segno tangibile del ricordo degli avvenimenti tragici della Prima Guerra Mondiale.

Subito dopo la partenza si salirà ad Aiaredo in mezzo al bosco, raggiunto il cambio d’assetto si scenderà a Casera Melin per poi iniziare la lunga salita verso Cima Vallona passando per il bivacco Piva. Raggiunta Cima Vallona, con gli sci nello zaino, gli atleti correranno lungo l’affilata cresta che li porterà sulle nevi austriache. La discesa che porta ai laghetti austriaci sarà in neve fresca quindi divertente e veloce. Applicate le pelli sotto agli sci si salirà verso la Forcella Cavallino con passaggi molto tecnici e spettacolari. Guadagnata la forcella inizierà la lunga discesa che porterà verso casera Pianformaggio e per proseguire poi sino alla tradizionale zona d’arrivo a Sega Digon. I concorrenti raggiungeranno il traguardo a piedi con gli sci nello zaino.

Domenica mattina, a Casera Pianformaggio, in concomitanza con lo svolgimento della Pitturina partirà il raduno “Io c’ero a Km Zero” da effettuare con qualsiasi mezzo, sci, ciaspole o semplicemente a piedi. Un’occasione unica per vivere appieno la Pitturina e i suoi luoghi incontaminati, per passare qualche ora al riparo da impegni, lavoro, stress cittadino e poter dire: “anch’io c’ero a KmZero”.

A Casera Pianformaggio il 01 marzo 2015 ci saranno bevande calde, il tepore di un falò, i profumi del bosco invernale, la spensieratezza della musica folkloristica. Grazie al partner Montura, uno splendido gadget vi ricorderà per sempre l'esperienza vissuta.

Il weekend del La Pitturina inizierà venerdì 27 gennaio alla sera con una prova dimostrativa di Vertical Race, si partirà dalla Frazione di San Nicolò per arrivare al nuovo rifugio Monte Zovo.

Nel programma della Pitturina sono stati inseriti un concerto le Living Dolls che farà da spalla alla Vertical Race, e il Winter Comelian Music Tour che si svolgerà nei locali della Val Comelico sabato pomeriggio.

Fonte Areaphoto

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti