Definito il percorso della Ciaspalonga delle Marmarole

Di GIANCARLO COSTA ,

Ciaspalonga delle Marmarole
Ciaspalonga delle Marmarole

L’ultimo sopralluogo degli organizzatori ha permesso di definire il percorso della quarta edizione della maratona sulle ciaspe. Partenza dalle piste di Auronzo alle 6 e arrivo in Piazza Tiziano a Pieve di Cadore. Iscrizioni aperte fino a giovedì 12 per il percorso classico e fino a venerdì 13 per la “short”. Zandonella: “Ci saranno atleti anche da Germania e Inghilterra”

Mancano pochi giorni alla partenza della quarta edizione della Rock Experience Ciaspalonga delle Marmarole, nono appuntamento del Ciaspatour Dolomiti, il circuito dedicato alle ciaspe promosso da Ng Timing con la collaborazione tecnica di LaFuma. Nei giorni scorsi gli organizzatori di Cadore Eventi hanno svolto gli ultimi sopralluoghi lungo il percorso per scegliere il tracciato definitivo. Nel frattempo procedono a gonfie vele le iscrizioni, come spiega Christian Zandonella, del comitato organizzatore della manifestazione: “Siamo già oltre quota 100 iscritti per la gara classica e sopra le 50 iscrizioni per il percorso breve. Si sono iscritti atleti da varie regioni d’Italia, ma anche appassionati da Germania e Inghilterra, segno che la manifestazione cresce e piace sempre più”.

Le iscrizioni alle gare (60 euro il costo per la Ciaspalonga, 40 euro per la Ciaspalonga short) si chiuderanno giovedì 12 febbraio per la Ciaspalonga “classica” e fino a venerdì 13 febbraio per la Ciaspalonga short. Ci si può iscrivere online direttamente nel sito www.ngtiming.com.

Il percorso

Il percorso, della lunghezza di 44 km, prevede la partenza alle ore 6 nei pressi del “Ribotta Art Bar” alla base delle piste da sci di Auronzo, da dove si proseguirà lungo le piste fino a raggiungere il rifugio Monte Agudo, dopo 700 metri di dislivello positivo. Da qui si proseguirà per un sentiero in single track che passando per il Col Burgiou porterà a forcella bassa e dopo al pian dei Buoi dove si troverà il primo ristoro. Una volta rifocillati gli atelti proseguiranno per il rifugio Bajon, casera d'Ajeron e poi giù verso Calalzo, località Caravaggio, dove è previsto il secondo punto di ristoro. Da qui inizia la seconda impegnativa salita che passa per Pozzale, l’ex rifugio Prapiccolo e quindi al Rifugio Antelao dove ci sarà il terzo ristoro. Da qui per una comoda strada battuta dal gatto delle nevi si scenderà a forcella Antracisa: ultimo dislivello verso il monte Tranego e poi giù in picchiata fino Piazza Tiziano a Pieve di Cadore.  Al momento il percorso è interamente percorribile con le racchette da neve. In attesa dell’evoluzione meteo delle prossime ore gli organizzatori consigliano gli atleti di essere preparati nell'eventualità si dovesse correre l'ultimo chilometro da Pozzale a Pieve senza le ciaspe.

La Ciaspalonga short

Oltre alla gara “classica”, gli organizzatori hanno previsto anche un percorso più breve, per poter accontentare il maggior numero possibile di appassionati. L’itinerario della Rock Experience Ciaspalonga short prenderà il via alle 10 da località Caravaggio a Calalzo di Cadore e da lì seguirà il percorso della Ciaspalonga fino all’arrivo in Piazza Tiziano a Pieve di Cadore.  Per entrambe le gare le premiazioni sono previste alle ore 17 al Gran Caffè Tiziano di Pieve di Cadore, a cui seguirà, alle 19, il  pasta - party per tut

Maggiori informazioni sulle modalità di iscrizione e il programma dettagliato della manifestazione si possono trovare nel sito ufficiale della Rock Experience Ciaspalonga delle Marmarole.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti