Cronoscalata al Monte Moro di Frabosa Soprana (CN): Marco Moletto e Katia Tomatis campioni Piemontesi di Vertical

Di GIANCARLO COSTA ,

Il podio maschile della Cronoscalata al Monte Moro (foto organizzazione)
Il podio maschile della Cronoscalata al Monte Moro (foto organizzazione)

Nomi  prestigiosi alla notturna di Frabosa Soprana nel Cuneese con il giovane talento Marco Moletto che, a conferma di un livello in continua e costante crescita è riuscito a mettere dietro i Garessini Alberto e Fulvio Fazio. Dopo il collaudo della passata edizione , il suggestivo percorso si è rivevato ottimale per una gara di vertical. "Con la partenza a piedi dal centro del paese, siamo riusciti a far vedere ed apprezzare lo scialpinismo moderno ai numerosi turisti accorsi ed incuriositi da questa disciplina praticata di solito lontano dai centri abitaiti." Questo è il commento di uno degli organizzatori, i quali si sono prodigati ad ospitare, assistere e rifocillare con un ottima cena gli atleti.

LA CRONACA

I 58 concorrenti dell'edizione 2013 si sono confrontati sui 4.8 km e  900 metri di dislivello. Già dai primi 4 minuti di gara si è capito che Marco Moletto aveva smaltito l'influenza che l'aveva indotto al ritiro nella notturna di Sampeyre e avrebbe dato del filo da torcere ai fratelli Fazio. Dopo il tratto da percorrere di corsa, calzati gli sci e sulla stradina di collegamento tra il Monte Moro e Malanotte, ottimamente battuta, si sono già visti i primi distacchi. Marco Moletto procedeva con un passo quasi alternato seguito a circa mezzo minuto da Alberto Fazio e tallonato a pochi secondi dal fratello Fulvio. Il gap con gli inseguitori si quantifica intorno al 1 minuto. Stupisce vedere nel gruppetto dei 5/6 inseguitori il giovanissimo portacolori della Squadra Regionale Piemontese Erik Pettavino.

All'incrocio con la pista di Malanotte iniziano i tre muri impegnativi, qui gli atleti anno dovuto mettere come si dice in gergo "le marce ridotte". I distacchi si allungano e il gruppo si allinea. Molto suggestivo  vedere la fila di luci frontali percorrete le piste da sci di Frabosa Soprana con  la luna piena che illuminava il Monte Moro. Al traguardo il vincitore Moletto mieteva un distacco di 2 minuti e 47 secondi su Alberto Fazio e 3'16 sul fratello Fulvio a seguire Lanternino Gianfranco e Armando Fabrizio a 5 minuti. Grande sesto posto per Moletto Mario papà di Marco "classe 1964" ad appena 6'31. Ottavo assoluto il giovanissimo Erik Pettavino a soli 7'55 dal vincitore.

LA GARA IN ROSA

Per quanto riguarda invece la gara in rosa, si è rivelata imbattibile Katia Tomatis distaccando di ben 4'52” Paola Martinale e 5'27” Debora Cardone.

Durante la serata si sono assegnati i titoli Assoluti Regionali e Provinciali di Vertical nelle varie categorie.

Cadetti

1°PettavinoErik

2°Dalmasso Mattia

Juniores

1°Fenoglio Andrea

Seniores Femminile

1°Tomatis Katia

2°Martinale Paola

3°Cardone Debora

Seniones Maschile

1°Moletto Marco

2°Fazio Alberto

3°Fazio Fulvio

Master Maschile

1°Moletto Mario

2°Moscarini Fabrizio

3°Griseri Elio

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti