Cronoscalata del Monte Alpet: Cavallo e Chialvo vincono nello scialpinismo, Franco e Polini nella corsa | Snow Passion

Cronoscalata del Monte Alpet: Cavallo e Chialvo vincono nello scialpinismo, Franco e Polini nella corsa

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Cronoscalata Monte Alpet (foto  sciclub ceva) (1)
Partenza Cronoscalata Monte Alpet (foto sciclub ceva) (1)

Si è disputata venerdì 2 febbraio a San Giacomo di Roburent in provincia di Cuneo la gara notturna Cronoscalata del Monte Alpet, sulle piste da sci della stazione del monregalese, con 4,6 km di sviluppo e 660 metri di dislivello. Gara organizzata dallo Sci Club Ceva e dal CAI Ceva, che con spirito di collaborazione hanno creato un evento al quale hanno partecipato un centinaio di concorrenti, record della manifestazione giunta alla sua sesta edizione. Non solo scialpinismo a Tecnica Classica dunque, visto che si poteva partecipare anche in Tecnica Libera, o con le racchette da neve o di corsa.

La gara rinviata sette giorni fa’ a causa delle pessime previsioni meteo, ha offerto una serata con una temperatura accettabile (+4°C alla partenza), un suggestiva vista sulla pianura cuneese illuminata e un buon livello agonistico. Partenza dalla piazza centrale di San Giacomo di Roburent, tutti di corsa su asfalto per circa 300 metri fino ad imboccare il primo tracciato i neve, che porta alla salita su pista vera e propria. Partenza a razzo dei primi corridori, subito recuperati dagli scialpinisti di testa che poi allungano con un gruppetto di testa di 4-5 scialpinisti che staccano il resto del gruppo. In testa fin da subito il vincitore della serata, Fabio Cavallo dello sci club Garessio, che nel finale commette un errore di percorso e perde il vantaggio che aveva di circa 20 secondi, ma riesce a recuperare e comunque a vincere in 34’48”, precedendo Marco Testino 2° in 34’51”, che si aggiudica la classifica Espoir, e Fabrizio Armando che completa il podio 3° in 36’11”. Completano la top ten Nicola Cavallo 4°, Alberto Topazio 5° (e 2° Espoir), Gabriele Pace 6°, Maurizio Basso 7°, Marco Franco 8°, Stefano Camaglio 9° e in 10a posizione si piazzano ex-aequo Silvio Gastaldi e Amos Rosazza Buro, che sono anche i vincitori della categoria Master.

Nella gara femminile vittoria di Martina Chialvo dello Sci Club Tre Rifugi in 45’55” su Elisa Giordano 2a in 46’05”, Chiara Musso 3a in 47’15, con Emanuela Arnaudo 4a e Sonia Balbis 5a .

Era prevista anche una classifica amatoriale e qui sul podio sono saliti nell’ordine Manuele Ferrero, Alberto Saulo e Marco Bottelli al maschile e Simona Mantero e Sara Carazzone al femminile.

Nella Tecnica Libera (sci da fondo e bastoni a raspa) vittoria di Antonio Basso.

Nella gara di corsa vittoria di Fabio Franco del Val Tanaro che in 39’24” precede Giancarlo Costa 2° in 40’05”, Lorenzo Mazza 3° in 40’48”, Adriano Bertano 4° in 48’08” e Matteo Granito 5° in 52’27”. Al femminile vittoria di Valentina Polini.

Solo donne con le racchette da neve, con il successo di Valentina Pirotti in 1h09’03” su Chiara Dotta 2a in 1h19’31” ed Erica Romagnolo 3a in 1h19’32”.

In allegato alcune foto della notturna di San Giacomo di Roburent.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti