Cortina Snowkite Contest: dal 6 all’8 marzo in palio la Word Cup e il titolo italiano

Di GIANCARLO COSTA ,

Snow Kike (foto Tobias Eble)
Snow Kike (foto Tobias Eble)

Passo Giau, nel cuore delle Dolomiti, torna ad essere il palcoscenico
di una gara leggendaria. In attesa dei Mondiali di Sci 2021 e delle Olimpiadi invernali 2026 Cortina ospiterà, dal 6 all’8 marzo, il più importante evento internazionale legato allo snowkite, sport in piena crescita.

Per la prima volta nella sua storia il Cortina Snowkite Contest assegnerà un titolo mondiale e uno tricolore: sarà la tappa finale del circuito Snowkite World Cup, specialità freestyle, e del Campionato italiano – Big Air.
L’occasione per scoprire una passione eco-friendly ed elettrizzante: bastano il vento, una tavola o un paio di sci e una vela per librarsi tra neve e cielo, in un panorama come quello ampezzano. Organizza l’evento un pioniere della disciplina, il bolognese Michele Alì, fondatore della scuola Kite4Freedom a Passo Giau e promotore di questo contest a Cortina fin dalla prima edizione.

Michele Alì È stato il primo a intravedere le grandi potenzialità di Passo Giau, che oggi è considerato a pieno titolo uno degli spot più interessanti per questa disciplina. Tra queste montagne, nel 2007, ha aperto una delle prime scuole italiane, Kite4Freedom, insieme a un team di istruttori, dando un contributo essenziale alla diffusione a uno sport in piena crescita.

Dal 6 all’8 marzo i più grandi campioni spiccheranno il volo incantando il pubblico: lo snowkite è infatti una disciplina ad alto tasso di spettacolarità, estremamente divertente da praticare, ma appassionante anche per chi si “limita” ad ammirare le evoluzioni in aria e sulla neve dei rider. Grazie alla vela si possono scegliere traiettorie “tridimensionali”, che sfidano la gravità e disegnano percorsi a terra e in aria.

Passo Giau, a quota 2.348 metri, offre un contesto ideale per questo sport: un oceano bianco su cui surfare, lontano dagli impianti a fune, spaziando tra neve e cielo, assaporando una sensazione di libertà nuova e inestimabile. Gli sciatori sono circondati da una visuale a 360° che spazia dalla Marmolada, Civetta, Dolomiti Ampezzane, Lastoni di Formin, Croda da Lago fino al Gruppo del Sella, vette che la sera “si arrossano” – è il fenomeno dell’enrosadira – per la felicità di fotografi e amanti della natura. Un panorama unico nel suo genere.

La distribuzione dei pettorali è in programma la sera di venerdì 6 marzo a Cortina, mentre il 7 e l’8 sono consacrati alle gare in Cima al Passo Giau, ma anche ai momenti di festa e incontro, con dj e cene in rifugio.

Sempre a Passo Giau, durante l’evento, saranno organizzati numerosi appuntamenti collaterali sotto la regia di Kite4Freedom. Gli appassionati avranno la possibilità di testare materiali tecnici di ultima generazione, come kite, sci e snowboard. Il contest sarà infatti una delle vetrine più interessanti per tutto ciò che riguarda questo sport.

Il tutto nel massimo rispetto del territorio: Cortina Snowkite Contest è infatti un evento rigorosamente eco-friendly e a impatto zero, dal momento che si basa sull’unico apporto del vento, energia rigenerabile per definizione.
La stessa attenzione per l’ambiente si esprime attraverso il simbolo di questa gara, realizzato a mano dallo scultore Icaro Lampo: la corona del “re del Giau”, in legno di cirmolo, tipico delle Dolomiti. Sul basamento si possono leggere, incisi, i nomi dei vincitori delle precedenti edizioni. Chi sarà il prossimo a perpetuare questa tradizione?

Fonte DOC-COM

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti