Corso per accompagnatori di persone disabili sugli sci della Fondazione per lo sport Silvia Rinaldi | Snow Passion

Corso per accompagnatori di persone disabili sugli sci della Fondazione per lo sport Silvia Rinaldi

Di GIANCARLO COSTA ,

Fondazione Silvia Rinaldi per i disabili e lo sci (foto Wok Photography)
Fondazione Silvia Rinaldi per i disabili e lo sci (foto Wok Photography)

Si è concluso il “Corso per accompagnatori di persone disabili sugli sci”, iniziato a novembre e organizzato dalla Fondazione per lo Sport Silvia Rinaldi ONLUS, con la partecipazione di 18 nuovi accompagnatori. Obiettivo dell’iniziativa è la formazione tecnico-pratica di accompagnatori che possano rendersi disponibili a titolo gratuito e volontario all’accompagnamento sugli sci di persone con disabilità motoria, intellettivo-relazionale e sensoriale. Lo sci permette infatti a persone con qualsivoglia disabilità di gioire dell’attività sportiva in ambiente montano grazie a speciali adattamenti e al supporto di accompagnatori adeguatamente formati e preparati.

“Questo corso è l’espressione concreta del messaggio paralimpico, cioè l’integrazione e la condivisione di momenti sportivi; fare attività sportiva, in questo caso lo sci, per una persona disabile significa anche minori presenze in strutture sanitarie e di conseguenza meno costi per il Servizio Sanitario Nazionale” ha dichiarato il Cav. Antonio Fenu, delegato regionale Emilia-Romagna FISIP.
I partecipanti del corso, provenienti da Emilia-Romagna, Lombardia, Toscana e Lazio, hanno avuto accesso ad un percorso formativo che si è articolato su lezioni pratiche e teoriche, riguardanti temi legali, medici e psicologici, volti a comprendere le problematiche che emergono nella relazione con persone aventi diversi tipi di disabilità. La fase pratica si è svolta sulle piste da sci del Monte Cimone, dove i corsisti sono stati seguiti da formatori FISIP (Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici), maestri di sci specializzati nell’insegnamento della tecnica sciistica a persone disabili, dimostratori e atleti paralimpici. Il corso per accompagnatori fa parte del progetto “Outdoor Regione 365”, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e dalla Fondazione Vodafone Italia.

“Il corso che abbiamo organizzato assieme a GAST ONLUS di Reggio Emilia e allo Sci Club Paralimpic di Fanano è stato un grande successo: oltre a formare volontari accompagnatori di ottimo livello tecnico, ha permesso di mettere in contatto diverse realtà che operano già autonomamente in Appennino da molto tempo, ma che sino ad ora non si erano mai incontrate per condividere questo tipo di attività” ha commentato Lorenzo Migliari, Consigliere Fondazione per lo Sport Silvia Rinaldi ONLUS.
La FSSR ha inoltre scelto di donare ai rifugi dei comprensori emiliani, Monte Cimone e Corno alle Scale, sei nuove carrozzine modello “Ottobock Centro S1” (valore totale € 1500), che saranno consegnate nei prossimi giorni al fine di fornire le strutture ricettive di carrozzine di cortesia. In questo modo le persone disabili saranno in grado di scendere dal proprio monosci (o attrezzature affini) e fruire di tutti i servizi del rifugio in modo autonomo. Le strutture dotate di carrozzina di cortesia saranno contrassegnate con un adesivo, inoltre è possibile richiedere la collaborazione dei gestori per effettuare il passaggio dal proprio monosci alla carrozzina.

Note tecniche
Ipovedenti - Anche chi è ipovedente o non vedente può sciare: per farlo è necessaria una guida che impartisca allo sciatore disabile i comandi per affrontare le curve in pista. La coordinazione e la condivisione del momento sportivo instaurano un rapporto di fiducia capace di creare un forte legame fra accompagnatore e accompagnato.
Sci in carrozzina - Coloro che sono colpiti da grave disabilità motoria o cognitiva, tale da rendere impossibile la pratica dello sci sulle proprie gambe o in maniera autonoma, possono essere condotti in pista su una speciale carrozzina adattata con uno o due sci. La necessità di ottime doti sciistiche e la difficile tecnica di conduzione dell’attrezzo rendono imprescindibile un iter formativo tecnico pratico affinché le attività in pista possano essere svolte divertendosi in sicurezza.
Disabilità intellettivo-relazionale - Persone con disabilità cognitiva tale da rendere possibile l’apprendimento della pratica dello sci con un maestro di sci abilitato, necessiteranno poi di un accompagnatore in grado di saper gestire la loro presenza sulle piste da sci.

La Fondazione per lo Sport Silvia Rinaldi
La Fondazione per lo Sport Silvia Rinaldi Onlus è un ente filantropico di diritto privato, costituito nel 2006 sull’esperienza in ambito sportivo paralimpico dei fondatori, che persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, proponendo progetti e idee per valorizzare l’efficacia dello sport nella promozione del benessere e dell’inclusione sociale. Come strumento per promuovere la salute, la socialità e la riabilitazione psicofisica, lo sport è in grado di influenzare ogni altro movimento sociale e rappresenta una chiave d’accesso privilegiata per affrontare problemi relazionali, soprattutto dei più giovani. FSSR realizza progetti che favoriscano la pratica dello sport dilettantistico da parte di persone con disabilità e di coloro a rischio di devianza o in situazione di disagio sociale. I fondatori promotori, fra cui la Presidente Silvia Parente, campionessa paralimpica plurimedagliata, sono stati insigniti dell’Onorificenza al Merito della Repubblica Italiana, conferita con Decreto del Presidente della Repubblica, per meriti sportivi e del riconoscimento d’onore conferito dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Fondazione Giulio Onesti Accademia Olimpica Nazionale Italiana. Lorenzo Migliari e Silvia Parente sono stati insigniti del Collare d’Oro per meriti sportivi, conferito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. www.fondazioneperlosport.com

Fonte Agnese Facchini

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti