Coppa del Mondo Sci di Fondo Sjusjoen (Nor): Norvegia schiacciasassi, Italia maschile sfortunata, femminile da rivedere

Di GIANCARLO COSTA ,

La_Norvegia_vincitrice_della_staffetta_femminile_(foto_fiscroscountry.com).png
La_Norvegia_vincitrice_della_staffetta_femminile_(foto_fiscroscountry.com).png

Staffette norvegesi di un altro pianeta, non si sono fatte sfuggire la vittoria casalinga sia in campo maschile che femminile.

L’Italia maschile a combattere per il podio fino agli ultimi 500 metri nella staffetta maschile di Sjusjoen (Nor), con David Hofer fra i primissimi prima del rush finale. Nell'ultima curva, un contatto con il norvegese Sjur Roethe e la conseguente caduta di Hofer ha compromesso le possibilità di podio degli azzurri, fin lì impeccabili. La vittoria finale è andata Norvegia I, che aveva Petter Northug in ultima frazione. Per il campione norvegese la vittoria è stata davvero facile, suggellata dal gesto del "marameo" che non raccoglierà certo consensi positivi dagli avversari. Sul secondo gradino del podio c'è Norvegia III con Roethe a suggellare la doppietta degli uomini in rosso. Terza la Svezia. L'Italia chiude al nono posto a 29"8 da Norvegia I, con Hofer distrutto per l'occasione perduta.

La gara è stata molto tattica ed ha vissuto di pochi spunti. In prima frazione il gruppone si è solo un po' allungato all'inizio, ma Pietro Piller Cottrer è riuscito a mantenere il contatto con i migliori. La stessa cosa è riuscito a fare Giorgio Di Centa in seconda, mentre in terza frazione un superbo Roland Clara provava addirittura a staccare gli avversari nel finale della sua fatica.

Cambio a David Hofer che faceva tutto bene, mantenendosi sulle code del russo Legkov nel suo allungo a 1,5 km dal traguardo, per poi saltare su quelle di Northug. Quindi l'incidente fatale, nell'ultima curva prima del rettifilo finale.

L'Italia dimostra comunque di esserci e, dopo il podio di Roland Clara di sabato, si prepara ad una stagione brillante.

Silvio Fauner, dt azzurro, commenta a caldo l'esito delle gare: "Un vero peccato per la staffetta maschile che aveva tutte le possibilità di salire sul podio. Purtroppo Roethe si è appoggiato pesantemente a David Hofer buttandolo a terra e compromettendo una gara fin lì perfetta. Bene anche le donne, che sono in fase di crescita e potranno far meglio sin dalle prossime tappe".

Classifica staffetta maschile CdM Sjusjoen (Nor):

1. Norvegia I 1h35'24"8

2. Norvegia III +0"8

3. Svezia +1"0

4. Francia +1"3

5. Russia I +1"4

6. Finlandia +4"0

7. Norvegia II +4"1

8. Svizzera +5"8

9. Italia +29"6

10. Russia II +45"4

Nella gara femminile tutto secondo pronostico nella staffetta femminile di Sjusjoen, dominata dalla squadra di Norvegia I. Il quartetto formato da Vikebe Skofterud, Therese Johaug, Kristin Steira e Marit Bjoergen ha completato i 20 chilometri nel tempo di 51'50"1, precedendo di 26" le connazionali di Norvegia II che schierava Astrid Jacobsen, Invild Oestberg, Tora Berger e Marthe Kristoffersen. A impedire il tris alle padrone di casa ci ha pensato la Finlandia con Krista Lahteenmaki, Aino Kaisa Saarinen, Riitta Roponen e Riikka Sarasoja.

L'Italia schierava al via la novità Melissa Gorra, sostituta dell'ultima ora dell'influenzata Elisa Brocard. la giovane bergamasca, all'esordio assoluto in Coppa del mondo, ha retto degnamante la scena concludendo la frazione al lancio in ottava posizione. Virginia De Martin ha concluso la parte in classico al nono posto, mentre Debora Agreiter si è piazzata decima in terza frazione con passo pattinato e Silvia Rupil ha perduto un paio di posizioni nel tratto conclusivo. La prossima staffetta è prevista a Nove Mesto nel mese di febbraio 2012.

Ordine d'arrivo staffetta femminile 4X5 km Sjusjoen (Nor):

1 NORWAY I NOR 51:50.1

SKOFTERUD Vibeke W 13:11.7

JOHAUG Therese 13:25.9

STEIRA Kristin Stoermer 12:34.5

BJOERGEN Marit 12:38.0

2 NORWAY II NOR 52:16.1

JACOBSEN Astrid Uhrenholdt 13:24.4

OESTBERG Ingvild Flugstad 13:30.0

BERGER Tora 12:33.2

KRISTOFFERSEN Marthe 12:48.5

3 FINLAND FIN 52:29.2

LAHTEENMAKI Krista 13:25.8

SAARINEN Aino- Kaisa 13:26.3

ROPONEN Riitta-Liisa 12:39.3

SARASOJA-LILJA Riikka 12:57.8

4 SVEZIA 52:41.7

5 FRANCIA 53:17.7

6 NORVEGIA III 53:19.3

7 NORVEGIA IV 53:30.2

8 GERMANIA 53:44.7

9 USA 53:44.8

10 RUSSIA I 53:44.9

12 ITALIA 53:47.4

GORRA Melissa 13:52.6

DE MARTIN TOPRANIN Virginia 13:43.0

AGREITER Debora 12:58.9

RUPIL Silvia 13:12.9

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti