Coppa Italia Scialpinismo - Trofeo Besimauda - Pradeboni (CN) 8.1.2009

Di GIANCARLO COSTA ,

Silvia-Rocca-al-Trofeo-Besimauda
Silvia-Rocca-al-Trofeo-Besimauda

Daniele Pedrini vince l'undicesima edizione del Trofeo Besimauda davanti a Pietro Lanfranchi, con questa vittoria consolida la posizione di leader nella speciale classifica di Coppa Italia Trofeo Colmar. Tra le donne, Laura Besseghini ha dominato la gara, Silvia Rocca è seconda.

A Peveragno gli atleti si sono svegliati sotto una fitta nevicata, il percorso a causa delle precipitazioni dei giorni scorsi era stato modificato già da venerdì sera. La traccia da seguire per i senior prevedeva due salite al Colle della Mula e l'ultima ascesa finale al Colle Morteis per poi buttarsi nell'impegnativa discesa finale che portava a tagliare il traguardo in località Meschie a quota 1127 metri. Il dislivello totale era di 1505 metri.
Pedrini, subito dopo il via, ha preso il comando della gara, aiutato dal fatto che Pietro Lanfranchi ha perso una pelle di foca proprio subito dopo il lancio. Il ritmo di Pedrini è talmente elevato che non permette a Lanfranchi di avvicinarsi. Usciti dal bosco, dopo il Colle Morteis il vantaggio del primo sul secondo è già di parecchi metri. Pedrini si butta in discesa con un buon margine e scia in modo impeccabile senza prendersi grossi rischi, in terza posizione Alain Seletto che nella seconda salita al Colle della Mula tenta di riavvicinarsi alle code di Lanfranchi, ma i suoi tentativi sono vani.


Nella gara femminile dopo una partenza relativamente tranquilla Laura Besseghini, a metà della prima salita, vedendo che Silvia Rocca e Raffaella Rossi non si staccavano dalla sua scia, ha cambiato frequenza del passo e ha lasciato quasi sul posto le inseguitrici. In seconda posizione si è portata subito la Rossi, Silvia Rocca sino al termine della salita era abbastanza distaccata dalla seconda posizione, in discesa ha lasciato correre gli sci scegliendo le linee migliori e si è riportata a pochi metri dalla Rossi. Mentre la Bessegheni continuava a mantenere un buon vantaggio, la Rocca nella seconda salita ha guadagnato la seconda posizione. Sino al traguardo le posizioni non cambiano, la Besseghini chiude con il tempo di 1.37.54 alle sue spalle con quasi sei minuti di ritardo giunge Silvia Rocca, completa il podio Raffaella Rossi con 1.45.03.


Tornando alla gara maschile non ci sono cambiamenti per quanto riguarda le prime posizioni, Pedrini continua ad aumentare costantemente il suo vantaggio portandolo sino a un minuto e trenta sotto il traguardo. Il porta colori dello Sci Club Alta Valtellina conclude la propria prova in 1.13.24, in seconda posizione Lanfranchi e sul gradino più basso del podio Alain Seletto con il tempo di 1.15.39.
Robert Antonioli vince la gara riservata alle categorie Junior e Cadetti con il tempo di 52.10, Antonioli in testa per tutta la durata della gara è autore di una discesa funambolica, peso arretrato, sci che toccano la neve solo dietro gli scarponi e nemmeno una curva se non quella per diminuire la velocità per arrivare in zona cambio. In seconda e terza posizione tagliano il traguardo rispettivamente Francois Cazzanelli e Bignotti Matteo. Michela Majori vince nella categoria Junior femminile. Nei Cadetti vittoria per Cesare Fognini, tra le donne prima posizione per Stefania Casari.

Classifica maschile
1. Daniele Pedrini, Sci Club Alta Valtellina, 1.13.24
2. Pietro Lanfranchi, Lame Perrel G.S.A. Ranica, 1.14.51
3. Alain Seletto, Sci Club Cervino Valtournenche, 1.15.39

Classifica femminile
1. Laura Besseghini, Sci Club Sondalo, 1.37.54
2. Silvia Rocca, Sci Club Alta Valtellina, 1.43.54
3. Raffaella Rossi, Sci Club Val Tartano, 1.45.03

In allegato la classifica completa

Comunicato e foto Areaphoto.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti