Confermato il Tour de Ski in Val di Fiemme

Di GIANCARLO COSTA ,

L'innevamento artificiale dello stadio del Lago di Tesero per il Tour de Ski (foto Newspower)
L'innevamento artificiale dello stadio del Lago di Tesero per il Tour de Ski (foto Newspower)

Tour de Ski per chi ama le grandi sfide sportive, “tour de force” per gli organizzatori delle quattro località di svolgimento del challenge in una stagione avara di neve un po’ in tutta Europa.

Da sempre, e sicuramente almeno fino al 2019, le ultime due giornate del Tour de Ski fanno rima con Val di Fiemme, in Trentino, che sabato 10 e domenica 11 gennaio ospiterà l’attesa mass start in tecnica classica e la mitica “final climb” sull’Alpe Cermis.

La strana situazione meteo non lascia comunque dubbi per le due ultime giornate del Tour de Ski. A Lago di Tesero gli organizzatori fiemmesi, con a capo il presidente Bruno Felicetti, sono al lavoro da tempo per innevare la pista di 2,5 km; non manca molto visto che nello stadio e lungo il tracciato sono in funzione ben 18 cannoni. Il responsabile dello stadio del fondo, Ciro Tomasi, sta sfruttando ogni momento favorevole per produrre i 30.000 metri cubi necessari per assicurare una pista d’elite, ed anche oggi il tracciato ha ospitato diversi fondisti che hanno potuto apprezzare il lavoro svolto.

La decisione di utilizzare la pista da 2,5 km anziché quella da 5 km è stata presa da tempo per garantire l’ottimale svolgimento della gara mass start che richiede larghezze ovviamente elevate, e se questo comporterà per gli atleti fatica in più, lo spettacolo per il pubblico ne guadagnerà. Dunque sabato 10 ci saranno ben 6 giri per la gara maschile (15 km) e 4 giri per quella femminile. L’anello di 2,5 km è decisamente più duro e nervoso della 5 km e così per gli appassionati si annuncia una gara ancor più vivace.

Nelle prossime ore sono attese precipitazioni nevose che consentiranno di regalare la classica “cartolina” invernale, ma la produzione di neve non si fermerà. Nel contempo c’è lavoro intenso per allestire anche il tracciato di domenica 11. Sono 9 i chilometri di gara previsti e proprio oggi sono entrati in funzione lungo la “final climb” ben 29 cannoni. Silvano Seber, neo consigliere del comitato Nordic Ski Fiemme e amministratore delegato della società che gestisce le piste del Cermis, molte delle quali già prese d’assalto dagli appassionati dello sci alpino, ha assicurato che a fine anno sarà aperto anche il tratto che dal fondovalle sale alla stazione intermedia della cabinovia, vale a dire l’intera “final climb”. L’innevamento della pista Marcialonga, che unisce lo stadio di Lago di Tesero e la pista Olimpia III, è già iniziato in località Masi di Cavalese. Questo per sottolineare che le due tappe finali del Tour de Ski si svolgeranno regolarmente e con esse è confermato appieno il programma di contorno.

Info: www.fiemmeworldcup.com

Sabato 10.01.2015

11.00                Aspettando gli atleti.. intrattenimento, musica e divertimento

12.00                Apertura Tendone delle Feste (pranzo tipico)

13:00                Mass Start – CT - 15 km Men – CC Stadium Lago di Tesero

a seguire cerimonia di premiazione

15:45                Mass Start – CT - 10 km Ladies – CC Stadium Lago di Tesero

a seguire cerimonia di premiazione

Domenica 11.01.2015

09.30                Inizio Tour del Gusto

10:00                “Rampa con i Campioni”

12:00                Final Climb – Pursuit 9km Men Alpe Cermis

                        a seguire cerimonia di premiazione

13:30                Final Climb – Pursuit 9km Ladies Alpe Cermis

                        a seguire cerimonia di premiazione

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti