Click on the Mountain: a Courmayeur premiate le migliori foto e video di freeride

Di GIANCARLO COSTA ,

Miglior foto e migliori effetti di Roberto Bragotto TeamITA Tom Klocker
Miglior foto e migliori effetti di Roberto Bragotto TeamITA Tom Klocker

Settantadue ore di neve, sole, bufera, azione e grandi emozioni: ogni secondo era prezioso e la deadline per la consegna delle 5 foto, del video instagram e dell’ edit di 120 secondi era sempre più vicina! Tutti i filmer e i fotografi sono riusciti a consegnare per tempo, la giuria ha passato la giornata di sabato a discutere e votare i lavori migliori e non è stato affatto semplice. In loco Karim Bartoletti (producer) e Sofia Marchesini  (4skiers Magazine), in collegamento online con Nico Zacek (Freeski Pro), Christian Öfner (Pleasure Magazine) e Klaus Polzer (Fotografo vincitore della scorsa edizione).

Sebastian Huber, capo giuria: „è stato difficile decidere, ogni team ha tirato fuori qualcosa di diverso dagli altri, con differenti prospettive e idee su come mostrare l’essenza del freeride a Courmayeur. Il livello di entrambi, atleti e media, era elevatissimo.“

Una grande folla si è riunita al Jardin de l’Ange, il salotto di via Roma nel cuore del centro storico di Courmayeur, sabato sera per scoprire finalmente il risultato di questa settimana. È stata una serata di applausi e acclamazioni durante la quale il pubblico ha potuto vedere il risultato della competizione, sia dal punto di vista del riding che delle abilità artistiche.

I vincitori sono stati

Best Photo: Roby Bragotto / Rider: Tom Klocker

Best Instagram Edit: Borja Azurmendi / Riders: Domi Rhyner and Sämi Ortlieb

Best Video: JR Ceron / Riders: Tof Henry, Loic Deschamps & Lodovico  Guichardaz

 La best photo di Roby Bragotto si aggiudica anche il premio Best Light Effect, e sempre Roby Bragotto si aggiudica il Best Action shot con una foto di Simon Gruber.

Ulteriori due premi speciali vanno allo shot del team composto da Pablo Varela Perez / Riders Sämi Ortlieb / Domi Rhyner come Best Street e Best Lifestyle photo.

Motivazioni:

Alla fine, quello che vogliamo vedere nei video è il freeride sotto tutti gli aspetti: un alto livello di riding, di tricks, di big mountain riding, una buona componente di freestyle e l’elicottero. JR Ceron è stato l’unico filmer a usare  la follow-cam e prospettive POV. Inoltre, le sue abilità di post-produzione e editing hanno fatto sì che risultasse il video più completo. Si potrebbe dire che era il video più ‘Courmayeur’.”

 Fonte u.s. Omnia

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti