Caterina Ganz e Davide Graz quarti nella sprint di Alpen Cup a Goms in Svizzera

Di GIANCARLO COSTA ,

Caterina Ganz (Foto Fisi Trentino)
Caterina Ganz (Foto Fisi Trentino)

Quarto posto di Caterina Ganz nella sprint femminile seniores in tecnica libera di Goms (SVi) che ha aperto il circuito continentale di Alpen Cup. La trentina è stata brillante protagonista nella finale a sei vinta dalla svizzera Nadine Faehndrich sulla tedesca Antonia Fraebel e la russa Alisa Zhambalova, fra le qualificate per l'atto conclusivo c'era anche Cristina Pittin, finita in sesta posizione. Fuori invece in semifinale Martina Di Centa e Francesca Franchi, mentre Nicole Monsorno è stata eliminata nei quarti di finale.

Positiva anche la prestazione di Davide Graz nella gara maschile: il friulano è giunto quarto nella finale A, superato dai russi Artem Maltsev e Alexander Terentev e dallo svizzero Janik Riebli. Ottime soddisfazioni per l'Italia sono arrivate nella categoria juniores, con Lucia Isonni seconda fra le donne e Nicolò Cusini e Matteo Ferrari secondo e terzo fra gli uomini.

Fonte Fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti