Campo 1 per la spedizione italiana di Marco Galliano e Cala Cimenti per scendere con snowboard e sci il Manaslu 8163 metri in Himalaya

Di GIANCARLO COSTA ,

Itinerario-spedizione-Manaslu.jpg
Itinerario-spedizione-Manaslu.jpg

Ci siamo, finalmente dopo un trekking di avvicinamento a dir poco avventuroso al campo base del Manaslu, con muli che fuggivano da tutte le parti, portatori che si ammutinavano e sparpagliavano i bidoni per vallate sperdute, uno sherpa con edema polmonare, Cala Cimenti e Marco Galliano sono arrivati al campo base della montagna e sono saliti al campo 1 quota 5739 metri, in attesa di miglioramenti metereologici, per puntare più in alto ed attrezzare il campo 2, vero trampolino di lancio per una salita che dovrebbe consentir loro di scendere in sci (Cala) e snowboard (Marco) da questo ottomila.

Essere passati indenni dalle disavventure del trekking li ha temprati psicologicamente alle dure fatiche che li attendono nei prossimi giorni.

Per seguire la loro spedizione in tempo reale visitate i loro blog

www.marcogalliano.it e http://cmenblogexperience.blogspot.com/

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti