Alla Ski Alp Val Rendena acuto di Giacomelli e Pedranzini-Martinelli

Di GIANCARLO COSTA ,

Guido Giacomelli.jpg (foto organizzazione)
Guido Giacomelli.jpg (foto organizzazione)

Sulle Dolomiti di Pinzolo dettano legge gli scialpinisti valtellinesi, sul campo dei 250 partecipanti. 16 chilometri e 1900 metri di dislivello in tre salite, sono il menù della giornata parzialmente perturbata, per la terza prova del circuito Coppa delle Dolomiti Tata Adventures. Guido Giacomelli ha vinto la 7a Ski Alp Val Rendena, con il tempo di 2h15'46”, a 4'03” Daniele Pedrini sale sul secondo gradino del podio, completato a 5'53” da Alessandro Follador. Quarto Filippo Beccari, quinto Marco Bulanti, sesto Ivo Zulian e settimo Riccardo Dezulian.

La gara femminile non ha avuto storia, con le bormine Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini che hanno praticamente fatto gara in coppia, anche se la contesa era individuale, vincendo in 2h09’54”, al terzo posto Raffaella Rossi in 2h19’37”, quarta Andrea Innerhofer in 2h27’06” e quinta Elena Nicolini in 2h27’50”.

In allegato la classifica completa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti