Al via le Alpiniadi, dal 25 al 28 febbraio in Valtellina

Di GIANCARLO COSTA ,

Volantino Alpiniadi
Volantino Alpiniadi

Dal 25 al 28 febbraio la Valtellina ospiterà la seconda edizione delle "Alpiniadi invernali", valida per l'assegnazione dei titoli ANA di sci di fondo, sci alpino, sci alpinismo e duathlon invernale. Sono attesi 1.500 atleti, tra cui alcune delegazioni straniere e i rappresentanti delle Truppe alpine.

I comuni valtellinesi interessati da questa manifestazione sono Bormio, Valfurva, Valdisotto e Valdidentro che, per 3 giorni, saranno al centro di gare sciistiche a cui parteciperanno i migliori atleti delle associazioni nazionali e internazionali degli alpini.

La cerimonia di apertura sarà celebrata giovedì 25 febbraio a Bormio; le gare inizieranno il 26 febbraio con lo scialpinismo, che si disputerà nel comprensorio di Santa Caterina Valfurva. La Valdidentro ospiterà sabato 27 il duathlon e il 28 le gare di fondo, mentre a Bormio si gareggerà lo slalom e ci sarà la cerimonia di chiusura.

Per informazioni Comitato organizzatore Alpiniadi, tel. 0342/514909, alpiniadi@ana.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti